breaking news

I tuoi piedi “piangono” per le feste? Salvali in 6 mosse

27 dicembre, 2016 | scritto da Rossella Buongiorno

In queste giornate festive c’è chi si dedica alla preparazione di dolci tradizionali, alla sistemazione della casa per accogliere parenti e amici, chi corre di qua e di là per le ultime compere natalizie e magari mettiamo scarpe più eleganti, ma non sempre comode, per qualche serata mondana e a farne le spese sono i nostri piedi!

Ecco quindi una breve sequenza di movimenti ispirati al Metodo Feldenkrais utili per alleggerire la stanchezza di piedi e caviglie.

Ricordo che per ottenere un reale beneficio questi movimenti vanno eseguiti con calma, lasciando fluire il respiro naturale senza forzarlo ed evitando di contrarre la muscolatura. Per fare questo c’è un sistema molto semplice che è quello di immaginare il vostro scheletro.

1 – Sedetevi in modo comodo senza appoggiare la schiena allo schienale ed in modo che i piedi aderiscano al pavimento
2 – Sollevate i talloni da terra in modo delicato e graduale immaginando di mettere una distanza sempre maggiore tra talloni e pavimento(fatelo almeno 5volte)
3 – Le dita vanno distese dolcemente e allungate immaginando che siano morbide ed elastiche
4 – Stendete le gambe e fate scivolare il tallone sul pavimento in modo che la caviglia si fletta portando la punta delle dita verso il soffitto (fatelo senza forzare ed in modo graduale)
4 – riportate le piante dei piedi a contatto con il pavimento e immaginate di raccogliere della sabbia morbida e calda con le dita; fatelo come se stesse accarezzando il pavimento
5 – sollevate gradatamente le dita dal pavimento fino a portare il peso sui talloni; siate gentili, non abbiate fretta ed evitate di forzare i movimenti
6 – Terminate effettuando una pressione alternata sulla pianta dei piedi e poi con tutti e due contemporaneamente.

Per amplificare il senso di benessere e leggerezza acquisiti, completate con un pediluvio a base di:
1 cucchiaio di bicarbonato
1 cucchiaio di sale grosso

Rosmarino sbriciolato o fiori di lavanda in acqua tiepida.

Rossella Buongiorno
#astarbenesiimpara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *