breaking news

Puglia – Appalti truccati, indagato assessore regionale

12 luglio, 2017 | scritto da Redazione
Puglia – Appalti truccati, indagato assessore regionale
Cronaca
0

C’è anche l’assessore ai Lavori Pubblici della Regione Puglia, Giovanni Giannini (Pd), tra le persone indagate a piede libero nell’indagine della Procura di Bari su presunte tangenti in cambio di appalti in alcuni Comuni della provincia di Bari, che ha portato oggi all’arresto di 11 persone, tra i quali il sindaco di Altamura Giacinto Forte (ai domiciliari) e il vicesegretario del Pd di Acquaviva delle Fonti Roberto Ottorino Tisci (in carcere). Agli atti delle indagini di Gdf e Carabinieri c’è un presunto episodio di corruzione che avrebbe coinvolto Giannini. In particolare, un imprenditore di Polignano a Mare, Modesto Scagliusi, titolare del noto ristorante ‘Grotta Palazzese’ e del salottificio Soft Line srl di Modugno – secondo quanto emerso dalle indagini – avrebbe corrotto Giannini con arredi domestici per la figlia dell’amministratore,in cambio del suo interessamento per agevolare pratiche in corso con la Regione a beneficio del ristorante, riguardanti un finanziamento regionale pari ad oltre 2mln di euro.

Erano già divisi presumibilmente ‘in mazzette’ i circa 300mila euro in contanti trovati in casa della sorella e della madre dell’imprenditore albanese residente ad Altamura Bertin Salakku, in carcere da stamattina su disposizione della magistratura barese per corruzione. Contestualmente all’esecuzione delle misure cautelari nei confronti di imprenditori, tecnici, funzionari e amministratori pubblici, la Guardia di Finanza ha infatti eseguito perquisizioni domiciliari a casa di alcuni indagati e dei loro parenti. Nelle abitazioni dei familiari di Salakku è stato trovato denaro che, secondo gli inquirenti baresi, era già pronto per esser utilizzato per pagare tangenti. L’indagine, chiamata ‘Pura Defluit’ che ha portato oggi all’arresto di 11 persone (2 in carcere e 9 ai domiciliari) e un obbligo di dimora per presunte tangenti in cambio di appalti, è partita dalla denuncia dell’ ex (e non attualmente in carica come si era invece appreso in un primo momento) vicesindaco di Acquaviva delle Fonti, Austacio Domenico Busto, ora assessore comunale ai Lavori Pubblici, al quale l’imprenditore albanese aveva promesso denaro in cambio dell’aggiudicazione di alcuni appalti. Intercettando Salakku e altri imprenditori, gli investigatori hanno poi scoperto ulteriori episodi correttivi, tutti distinti e autonomi fra loro, riguardanti altre amministrazioni comunali (Altamura e Castellana Grotte) e anche l’assessorato regionale ai Lavori Pubblici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *