breaking news

Unghie – Fare o non fare trattamenti estetici?

1 agosto, 2017 | scritto da Redazione
Unghie – Fare o non fare trattamenti estetici?
Bellezza & benessere
0

Tutto quello che c’è da sapere sulla cura delle unghie di mani e piedi

Nel pieno della bella stagione il benessere e l’estetica di mani e piedi conquista particolare importanza rispetto ai periodi più freddi, pertanto in queste giornate la cura di pelle e unghie dovrebbe essere ancora più accurata. Purtroppo però, non è raro che specialmente le unghie siano vittime di patologie alle volte anche avanzate, in grado di colpire indifferentemente le lamine ungueali delle mani e dei piedi. D’estate, poi, queste malattie possono causare un grande imbarazzo poiché sono sotto gli occhi di tutti, ecco perché mai come ora dobbiamo conoscere quali disturbi possono colpire le nostre unghie, sapere come individuarli e capire quando non è consigliabile effettuare trattamenti dei estetici forse troppo invasivi.

Le due principali problematiche che investono le unghie

Sono sostanzialmente due le problematiche che colpiscono le unghie di mani e piedi, e che possono sfociare in sintomi molto gravi. La prima è la Leuconichia, ed è anche la meno invasiva: si tratta di una patologia dovuta alla presenza di micro-traumi (spesso nei bambini) o all’abuso della manicure (negli adulti), e si manifesta con la presenza di piccole macchioline bianche su unghie sempre più opache. È la seconda tipologia di problema però a causare le preoccupazioni maggiori: parliamo dell’onicomicosi, un’infezione fungina che colpisce le lamine e che causa sintomi molto evidenti, come la deformazione delle unghie. Nel caso in cui siate affetti da una onicomicosi grave vi consigliamo di leggere questa pagina di approfondimento che spiega il disturbo nel dettaglio e dà indicazioni su come curarla, ricordate che è importante affrontare il problema quanto prima poiché serve del tempo affinché l’infezione scompaia.

Come capire se le unghie hanno un problema

Premesso che la visita da un dermatologo è indispensabile, è anche possibile valutare da soli la presenza di un qualsiasi problema alle lamine ungueali, semplicemente analizzandole con accuratezza. Ad esempio, le variazioni cromatiche non sono mai un buon segno, soprattutto se tendono al bianco o al marroncino chiaro. Inoltre, qualsiasi deformazione della lamina potrebbe indicare la presenza di micosi o di psoriasi e la stessa cosa potrebbe capitare nel caso le unghie dovessero apparire sollevate dal letto, con una sostanza biancastra frapposta fra lui e la lamina. Tuttavia esistono anche altri segnali, come la fragilità delle unghie che tendono a spezzarsi facilmente, o quelle che presentano delle lesioni circolari.

Fare o non fare trattamenti estetici

Molti pensano che i trattamenti di bellezza possano peggiorare lo stato di salute delle unghie, la credenza diffusa è che, stendendo il gel, le unghie smettano di respirare. In realtà il problema non è esattamente quello della respirazione, quanto le conseguenze legate a una sistematica esposizione alla luce UV delle lampade utilizzate nei trattamenti, che accelera l’invecchiamento della pelle e che in alcuni casi potrebbe avere degli effetti anche più severi. Inoltre, questi trattamenti spesso nascondono l’unghia naturale e di conseguenza non ci permettono di notare eventuali segnali che indicano l’insorgere di problematiche alle unghie, come visto poco sopra. Dunque se l’unghia è sana di tanto in tanto si possono effettuare, mentre nel caso di unghie malate è meglio attendere.

Monica Fabrizi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *