breaking news

Bari – Forum delle Giornaliste del Mediterraneo: verità per Dafne

23 novembre, 2017 | scritto da Antonella Loprieno
Bari – Forum delle Giornaliste del Mediterraneo: verità per Dafne
Attualità
1

Non sappiamo chi ha ucciso Daphne, c’è una lista infinita di sospetti, da governi corrotti alla criminalità organizzata. Il vero tema ora è il crollo dello Stato di diritto a Malta. E in questo momento abbiamo bisogno di tutto l’aiuto e di tutto il sostegno possibile, anche attraverso i social media. È importantissimo che i riflettori non si spengano su Malta”.
Lo ha sottolineato la giornalista Caroline Muscat, collega di Daphne Caruana Galizia, uccisa lo scorso 16 ottobre a Malta, da una bomba che ha fatto saltare in aria la sua auto. Muscat è intervenuta al forum delle Giornaliste del Mediterraneo a Bari presso il dipartimento di Giurisprudenza, ed ha evidenziato che la sua collega indagava “su molte cose”, il che faceva di lei una “giornalista temuta, resiliente e inarrestabile.
La sua è una storia di giornalismo investigativo che la ha costretta a subire quell’escalation di violenza che con i social, passa per gli hate speech, la distruzione della reputazione, l’attacco sessista – Daphne era insultata come “strega” – per poi arrivare alle minacce, agli attacchi all’abitazione o al luogo di lavoro e terminare nell’esercizio della violenza sulla pesona , fino all’omicidio.
Un episodio che sconvolge l’immagine di Malta come paradiso del benessere e che la rilancia come luogo di corruzione e traffici illeciti che non devono essere scoperti.
La morte di Daphne ha avuto una conseguenza immediata: una grossa parte della società civile si è animata, ha preso posizione scendendo in piazza e sostenendo quella piccola parte di giornalisti liberi che hanno fatto rete. Si chiama theshiftnews.com il luogo virtuale nel quale proseguono, con un contributo collettivo di giornalisti e di citizen journalism, le inchieste di Daphne e la lotta per una vera democrazia.

È passato ormai un mese dal suo assassinio – spiega Caroline – e si brancola nel buio. La polizia non dà assolutamente informazioni sull’inchiesta, i cittadini si sono riversati molte volte per le strade chiedendo verità, ma nulla è stato detto”.

“Morire di giornalismo oggi non si può, è stato detto, per questo chiediamo verità per Dafne e una legge per tutelare i giornalisti. Un mestiere di servizio, il nostro, e i cittadini lo hanno dimenticato. Quando un giornalista viene minacciato e ucciso ad essere imbavagliato è il diritto dei cittadino”.

Marina Cosi, presidente nazionale di Giulia giornaliste, ha spiegato che “l’associazione è nata per parlare delle donne giornaliste e di come vengono raccontate dall’informazione”.
“Il forum nasce dall’idea che una zona della Puglia non può girarsi dall’altra parte perchè al di là dell’ Adriatico ci sono colleghe che vivono situazioni tragiche che vogliamo far conoscere” ha detto la coordinatrice pugliese, Rossella Matarrese .
All’incontro ha partecipato anche il neo presidente dell’ordine dei giornalisti, Piero Ricci.
“L’ordine non poteva non essere presente a questo evento veramente formativo perchè ci dà la possibilità di guardare la professione da un altro punto di vista, quello della qualità dell informazione data da chi rischia la vita sul campo per informare”.
Il Forum è organizzato da Giulia giornaliste su un’idea di Marilù Mastrogiovanni grazie al contributo di: Corecom della Regione Puglia, Consigliera di parità della Regione Puglia, FNSI (Federazione nazionale stampa italiana), USIGRai (sindacato giornalisti Rai), Idea Dinamica coop di giornalisti e con il Patrocinio della presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini, Accademia della Crusca, Articolo 21, Ossigeno per l’Informazione, Università degli Studi di Bari, Archivio di Genere presso Uniba, Università del Salento, LIM (Laboratorio Interdisciplinare del Mediterraneo), Centro Studi Osservatorio Donna presso UniSalento, Associazione Una buona storia per Lecce, Comune di Lecce, CREIS (centro di ricerca europeo per l’innovazione sostenibile).

One Comment

  1. Pingback: La rassegna stampa dell’edizione 2017 del Forum – FMWJ 2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *