breaking news

Andria – Fisfola e Campana (FI): “Laura Di Pilato faccia un passo indietro”

15 Dicembre, 2017 | scritto da Redazione
Andria – Fisfola e Campana (FI): “Laura Di Pilato faccia un passo indietro”
Attualità
0

Nella giornata di mercoledì 13 dicembre presso la sede del partito Forza Italia di Andria, c’è stata una riunione congiunta del gruppo consiliare e della segreteria cittadina e provinciale. All’ordine del giorno i riflessi della vicenda spiacevole consumatasi nell’ultimo Consiglio Comunale tra i consiglieri comunali di centro-destra e la presidente della massima assise cittadina Laura Di Pilato.

Restando al fatto, senza alimentare ulteriori inutili polemiche, l’aver abbandonato i lavori del Consiglio Comunale rimane, purtroppo, un atto incomprensibile ed ingiustificabile sia da un punto di vista istituzionale che politico – affermano il Capogruppo consiliare Forza Italia, Marcello Fisfola e il Segretario cittadino Forza Italia, Domenico Campanacon il rischio concreto di vedere rallentata l’attività consiliare con conseguenti imperdonabili ritardi nei confronti dei cittadini“.

I presenti hanno invitato, perciò, attraverso la lungimiranza dei propri comportamenti, l’esperienza e il buon senso, a porre in essere comportamenti tesi esclusivamente a tutelare ed a preservare l’unità del centro-destra andriese – continuano -. E richiesto, pertanto, a Laura Di Pilato, stante anche la volontà unanime di tutti i capigruppo della maggioranza consiliare, un passo indietro e le immediate dimissioni dalla carica ricoperta“.

La città di Andria, infatti, deve essere la priorità assoluta per Forza Italia, nel rispetto dei ruoli e delle singole prerogative – hanno concluso Fisfola e Campana – come sempre è avvenuto dal 2010 ad oggi con risultati importanti ed oggettivi conseguiti nell’ammodernamento della nostra amata comunità. Siamo certi che la responsabilità e la sensibilità politica del Presidente del Consiglio Comunale consentiranno una rapida soluzione di una vicenda che deve chiudersi senza strappi ulteriori“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *