breaking news

Barletta – Videointervista al Professor Filannino, candidato sindaco M5S “Gli altri candidati pare temano il movimento”

10 maggio, 2018 | scritto da dora dibenedetto

Docente di lettere, autore di diversi libri inerenti la storia di Barletta,  dirigente  presso il liceo scientifico “Nuzzi” di Andria e reggente della scuola elementare “Papa Giovanni Paolo II” di Barletta, il professor Michelangelo Filannino  è il quinto a candidarsi come sindaco della città di Barletta.

Sabato scorso  si tenne la presentazione ufficiale  della sua candidatura “cinque stelle” alla stampa e alla cittadinanza e ieri lo abbiamo incontrato nei giardini del castello, per capire ciò che il professore, intende proporre  alla città di Barletta.

Quella di Filannino, è stata una candidatura “contesa” con l’avvocato Michele Tedeschi del gruppo “Barletta cinque stelle” e quindi gli abbiamo chiesto: “Qual è la differenza tra “Barletta cinque stelle” e gli “attivisti cinque stelle” ( ai quali  il docente di lettere  fa riferimento). E se Tedeschi era presente in conferenza stampa, sabato?

Autore dell’ “Epigrafi di Barletta”, ai microfoni di Batmagazine, Filannino ha spiegato cosa intende fare per valorizzare a trecento sessanta gradi i beni culturali presenti in città  e se intende  valorizzazione ulteriolmente anche la vicina Canne della Battaglia.  

Proposta di “Potere al Popolo” (nella persona dell’avvocato barlettano Matteucci)  in merito alla possibilità di inibire la concessione del suolo pubblico a quegli esercenti che sfruttano il lavoro nero e irregolare, Referendum sull’euro avanzato da Beppe Grillo,  recente sfiducia di due sindaci pentastellati nei comuni  di Nettuno e Pomezia (Lazio), urbanistica barlettana, questione Timac e considerazioni sugli altri candidati sindaco,  sono stati  i temi affrontati  nel corso dell’intervista.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *