breaking news

Ciliegie pugliesi vendute 20 euro al chilo nei supermercati di Milano: il business del frutto “proibito”

15 maggio, 2018 | scritto da Alessandro Liso
Ciliegie pugliesi vendute 20 euro al chilo nei supermercati di Milano: il business del frutto “proibito”
Attualità
0

La Puglia è leader in Italia nella produzione delle ciliegie: circa 500.000 quintali per una superficie coltivata di 14.000 ettari. Turi e Conversano, entrambe in provincia di Bari, sono famosissime per la produzione di una cultivar dal nome “Ferrovia”, apprezzata in tutto il mondo.

La campagna cerasicola pugliese di quest’anno è iniziata molto bene: a fine aprile già i primi stacchi di frutti prelibati e di ottima qualità.
Ricche di vitamine e sali minerali hanno proprietà straordinarie: combattono i radicali liberi e l’invecchiamento cutaneo, sono diuretiche, depurative e favoriscono un buon sonno.

Risultano, però, dannose per le tasche degli abitanti del nord Italia, tanto da prendere l’appellativo di “frutto proibito”. Il motivo? Se per caso ci trovassimo a Milano, in un supermercato nei pressi della stazione centrale, forse desisteremmo dall’acquistare ciliegie.
Qui infatti è facile trovare una vaschetta di ciliegie da mezzo chilo vendute più o meno sui 10 euro, che significa acquistarle a 20 euro al chilo!

La cosa curiosa, però, è che l’azienda da cui arrivano le ciliegie si trova tra Conversano e Rutigliano, paesi dove i grossisti vendono le ciliegie tra 2,30 o 2,50 euro al chilo.
Per di più, coloro che subiscono l’ingiustizia più grave sono gli agricoltori pugliesi: dopo un anno intero di duro lavoro, sotto le intemperie e con tutte le spese che devono affrontare, vengono ricompensati fino ad 1,50 euro al chilo.

Questo modo di fare arricchisce alcuni a discapito di altri, tra questi vi sono appunto gli agricoltori che sono costretti ad abbandonare la coltura cerasicola a causa dei prezzi ciclicamente troppo bassi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *