breaking news

Arriva il Bonus Pubblicità 2018: promuovere la propria azienda non è mai stato più conveniente. Ecco come ottenere il ricco sgravio fiscale

21 settembre, 2018 | scritto da Alessandro Liso
Arriva il Bonus Pubblicità 2018: promuovere la propria azienda non è mai stato più conveniente. Ecco come ottenere il ricco sgravio fiscale
Bat tutorial
0

Notizie positive per le imprese e i lavoratori autonomi di tutta Italia: promuovere la propria azienda nel 2018 conviene più che mai.

Arrivano gli incentivi fiscali, sotto forma di credito d’imposta, sugli investimenti pubblicitari su quotidiani, periodici e sulle emittenti televisive e radiofoniche locali: il tutto prende il nome di Bonus Pubblicità 2018.

È un bonus fiscale introdotto dalla Manovra Correttiva dei conti pubblici (articolo 57-bis, decreto legge 50/2017), con la Legge Delega 198/2016 finalizzata all’introduzione di benefici fiscali connessi agli “investimenti pubblicitari incrementali su quotidiani e periodici nonché sulle emittenti televisive e radiofoniche locali, analogiche o digitali“, attraverso il riconoscimento di “un particolare beneficio agli inserzionisti di micro, piccola o media dimensione e alle start up innovative” (articolo 2, comma 2, lettera n).

A chi è rivolto il credito d’imposta?

  • alle imprese,
  • ai lavoratori autonomi
  • e agli enti non commerciali

che effettuano investimenti in campagne pubblicitarie sulla stampa quotidiana e periodica anche on line e sulle emittenti televisive e radiofoniche locali, analogiche o digitali.

Quali sono i requisiti per ottenerlo?

Uno dei più importanti requisiti richiesti per beneficiare del Bonus Pubblicità 2018 è quello di effettuare i suddetti investimenti in misura maggiore almeno dell’1% agli analoghi investimenti effettuati sugli stessi mezzi di informazione nell’anno precedente. Il credito d’imposta erogato sarà pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati, elevato al 90% nel caso di microimprese, piccole e medie imprese e start up innovative.

Come accedervi?

Per fruire del credito d’imposta, i soggetti interessati devono presentare:

  • la “Comunicazione per l’accesso al credito d’imposta”, contenente i dati degli investimenti effettuati o da effettuare nell’anno agevolato;
  • la “Dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati” per dichiarare che gli investimenti indicati nella comunicazione per l’accesso al credito d’imposta, presentata in precedenza, sono stati effettivamente realizzati nell’anno agevolato e che gli stessi soddisfano i requisiti richiesti.

L’ammontare del credito d’imposta effettivamente fruibile da ciascun richiedente è stabilito con provvedimento del Dipartimento per l’informazione e l’editoria (articolo 5, comma 3, del D.P.C.M. n.  90 del 2018), pubblicato sul sito istituzionale del Dipartimento stesso.
Il credito d’imposta riconosciuto è utilizzabile esclusivamente in compensazione mediante il modello F24, che deve essere presentato tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle entrate.

Per gli investimenti effettuati o da effettuare nell’anno 2018, la comunicazione per l’accesso al credito d’imposta dovrà essere presentata dal 22 settembre al 22 ottobre 2018.
Entro gli stessi termini va presentata la “Dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati” per gli investimenti effettuati nell’anno 2017.

La dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati nell’anno 2018 è presentata dal 1° al 31 gennaio dell’anno 2019.

Qui è possibile consultare il Decreto.

Qui è possibile scaricare il modulo F24 da compilare per la fruizione del credito.

Ecco le istruzioni per la compilazione.

Per ulteriori informazioni rivolgersi alla redazione di BatMagazine: 0883/566813 – 347/1787918.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *