breaking news

“FURORE” J.Steinbeck, ediz.Bompiani

17 Ottobre, 2018 | scritto da Redazione
“FURORE” J.Steinbeck, ediz.Bompiani
Leggo, dunque sono
0

E’ l’epopea di un viaggio verso una “terra promessa”, la California, dove, la famiglia dei Joad, sfrattata dalla sua casa e dalla sua terra nel Middle West, potrà trovare lavoro e cominciare una nuova vita.

E’ la storia di una delle migliaia di famiglie negli anni ’30, periodo della grande depressione economica, in America: mezzadri sfrattati dalle loro terre ormai improduttive, che caricano macchine e camion arrangiati e malandati con tutta la loro vita a bordo per cercare disperatamente un nuovo futuro.
Ad attenderli, però, una realtà ben diversa da quella che accattivanti volantini pubblicitari avevano prospettato: una terra florida, sì, ridondante di frutti e piantagioni di cotone, ma per la cui raccolta sono sfruttati e malpagati.

I protagonisti della storia diventano anime affamate e disperate che, però, anche nelle situazioni al limite e oltre il limite del sopportabile, mantengono integra la loro dignità e la loro umana solidarietà.

E’ una storia di una attualità e drammaticità stringente che assurge e diventa “la storia” di ogni migrazione ovunque questa avvenga. Tutti gli uomini, le donne e i bambini diventano simbolo di una umanità che soffre e rivendica con “furore” il diritto di vivere, lavorare,indignarsi per le ingiustizie subite da altri uomini che, nella condizione di dettare legge, li sfruttano e li prevaricano.
Quello che si avverte, dalle prime pagine della storia è un “furore” narrativo di Steinbeck (premio Nobel per la letteratura) che procede imperterrito nel suo racconto, come i suoi protagonisti, che tra mille avversità, umiliazioni e privazioni continuano ad ogni costo il loro viaggio.

Affamati, sofferenti, impoveriti ma caparbiamente spinti dal loro coraggio e animati da quella dignità che rende uomini.
Il libro, premiato (Pulitzer), letto da milioni di lettori di tutto il mondo, è diventato il simbolo della lotta dell’uomo contro l’ingiustizia.
Pubblicato in Italia nel ’40, un anno dopo la sua uscita in America, fu censurato in molte sue parti: la nuova edizione integrale lo restituisce ai suoi lettori in tutta la sua straordinaria bellezza!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *