- Pubblicità -spot_img
domenica, 28 Novembre 2021
HomeAndriaCos’è il premio Città che Legge?

Cos’è il premio Città che Legge?

Con l’ottenimento e l’inserimento in graduatoria, si potrà accedere ai finanziamenti pubblici e alla partecipazione dei bandi CEPELL

Città che Legge è il bando pubblicato da CEPELL (Centro per il libro e la letteratura) finanziato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, attraverso il quale qualificare i comuni che presentano tutti i requisiti richiesti dal bando.

L’ottenimento della qualifica e quindi l’inserimento in graduatoria, serve ad avere accesso ai finanziamenti pubblici e quindi alla partecipazione dei bandi che il CEPELL pubblicherà per attribuire contributi economici, premi ed incentivi ai progetti più meritevoli.

Quindi, non tutte le città potranno accedere ai finanziamenti perché dovranno partecipare ad un ulteriore bando che espliciterà i requisiti per accedere al fondo.

Per esempio, nel 2019 solo 3 città con popolazione superiore ai 100 mila residenti (categoria in cui rientra la nostra città) hanno ricevuto il finanziamento perché avevano raggiunto il punteggio minimo.

A questo punto, occorre velocizzare la partecipazione al bando con idee e progetti che possano ricevere il punteggio minimo per l’aggiudicazione del finanziamento.

Possiamo far partecipare le scuole della nostra città, possiamo coagularle in un unico progetto cittadino che possa unire i diversi istituti e coinvolgere la cittadinanza intera.

Questo riconoscimento premia l’attivismo delle nostre associazioni e la collaborazione con enti e istituzioni, potrà premiare anche le librerie locali che realizzeranno progetti ed eventi di grande rilevanza. Occorrerà un grande lavoro di sensibilizzazione alla lettura, come i corsi per lettori volontari, i gruppi di lettura.

Aprire un ciclo di lezioni magistrali e presentazioni di libri dedicato alla comprensione del mondo  contemporaneo.

Particolarmente importante la relazione con il mondo della scuola, visto che attraverso la qualifica di “Città che legge” potremo partecipare a bandi specifici, attraverso forme di progettazione condivisa e partecipata con scuole, enti e organizzazioni del territorio.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

Speciale COVID-19

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

Leggi anche

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui