- Pubblicità -spot_img
venerdì, 14 Maggio 2021
HomeCronacaBisceglie - Obbligato a lasciare la struttura, la incendia: arrestato Vito Mastrogiacomo,...

Bisceglie – Obbligato a lasciare la struttura, la incendia: arrestato Vito Mastrogiacomo, ex patron del Divinae Follie

L'uomo ora è agli arresti domiciliari nel nosocomio barlettano e le sue condizioni sono stabili, avrebbe riportato solo lievi ustioni

Individuato dai Carabinieri il responsabile dell’incendio divampato, nel pomeriggio di lunedì 13 luglio, all’interno del ristorante “La Vetta dei Divi” di Bisceglie.

Le indagini sull’incendio del complesso dell’ex Centro turistico Mastrogiacomo, che per anni ha ospitato la famosa discoteca Divinae Follie, sono giunte ad una svolta: è stato arrestato Vito Mastrogiacomo, 78enne, ex patron della struttura, con l’accusa di incendio doloso.
Don Vito, così si faceva chiamare da chi lo conosceva, avrebbe fissato da tempo la sua dimora all’interno di un ufficio situato nella struttura e proprio lunedì avrebbe ricevuto l’intimazione di lasciarlo in prossimità della cessione dei locali ai nuovi proprietari.

L’uomo, al momento dell’incendio, è stato soccorso da un’ambulanza ed è stato trasportato prima all’ospedale civile “Vittorio Emanuele II” di Bisceglie, poi al “Dimiccoli” di Barletta.
Ora è agli arresti domiciliari nel nosocomio barlettano e le sue condizioni sono stabili, avrebbe riportato solo lievi ustioni.

La riapertura del ristorante, programmata inizialmente per la serata di giovedì 16 luglio, sarà con ogni probabilità posticipata per cause di forza maggiore, mentre gli spazi un tempo occupati dal Divinæ Follie, ora denominati DF Disco dalla società guidata dall’imprenditore molfettese Roberto Maggialetti, che ha preso in fitto per due anni il lotto assegnato dalla curatela fallimentare, non sono stati danneggiati dalle fiamme, ragione per cui è confermata la riapertura post-Covid del DF nella serata di sabato 18 luglio.

- Pubblicità -
- Pubblicità -

Speciale COVID-19

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Leggi anche

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui