- Pubblicità -
domenica, 24 Gennaio 2021
Home Margherita di Savoia Margherita - Il Sindaco sospende il mercato del giovedì. Montaruli: "Pessimo esempio...

Margherita – Il Sindaco sospende il mercato del giovedì. Montaruli: “Pessimo esempio di governo della città”

Dopo la decisione del sindaco Lodispoto, interviene il sindacalista Savino Montaruli, in rappresentanza delle due primarie Associazioni Autonome CasAmbulanti e Unibat

Il sindaco di Margherita di Savoia, Bernardo Lodispoto, ha sospeso il mercato di giovedì.

Con un’ordinanza sindacale emanata appena poche ore prima dello svolgimento del mercato di giovedì 23 luglio 2020, il primo cittadino margheritano infligge un colpo mortale a centinaia di famiglie che campano di quel lavoro dando un servizio alla cittadinanza.
Va su tutte le furie il sindacalista Savino Montaruli, in rappresentanza delle due primarie Associazioni Autonome CasAmbulanti e Unibat, il quale ha dichiarato: “Questa decisione assurda, non condivisa, inaccettabile e cagionevole di enormi danni psicologici ed economici, che metterebbero a serio rischio le già esigue casse comunali in caso di azione risarcitoria da parte dei concessionari di posteggio nel mercato del giovedì che il Sindaco vorrebbe sopprimere, è un pessimo esempio di governo della città.

Non capisco il Sindaco a quali “accordi” faccia riferimento; con chi li abbia sottoscritti e firmati e quali siano i contenuti di quegli “accordi” in funzione della cui paventata violazione si arriverebbe addirittura a sospendere il mercato in un periodo particolare quel è questo estivo, negando il Diritto al Lavoro e un servizio ai cittadini ed alle migliaia di turisti presenti in questo periodo a Margherita di Savoia. Leggo che la decisione drastica, con minaccia di sospensione definitiva del mercato settimanale del giovedì, sarebbe scaturita dal fatto che, come testualmente avrebbe affermato Lodispoto, “fra diverse bancarelle mancavano i divisori in plexiglass, come non c’erano dosatori per il gel igienizzante e mascherine sul volto degli operatori”.

Premesso che – continua Montaruli – mi aspetto siano stati elevati dei verbali per le presunte violazioni, altrimenti significherebbe che qualcuno avrebbe omesso di compiere il proprio dovere oppure che quelle informazioni andrebbero verificate con atti alla mano, ammesso che l’uso di mascherine all’aperto sia ancora oggi da considerarsi un obbligo mentre si parla di divisori in plexiglass che inducono persino all’ilarità, alla luce delle vigenti disposizioni nazionali, detto questo, come diceva Troisi: “se il treno arriva in ritardo non devi cambiare il governo, devi cambiare il capostazione”.

Caro Bernardo, renditi conto dell’inopportunità di questa decisione assunta, autonoma, assunta solamente poche ore prima del mercato che si vorrebbe sopprimere, cagionando altresì un possibile e concreto problema di ordine pubblico. Caro Sindaco margheritano, lascia perdere gli Ambulanti ed il loro Diritto al Lavoro dopo un fermo forzato di quasi quattro mesi senza alcun sostegno né un minimo segnale di solidarietà da quelle Istituzioni che tu vorresti rappresentare degnamente, come fai sicuramente.

Convocaci con urgenza, facci capire cosa hai in mente e risolviamo il problema, altrimenti mi vedrò costretto a scrivere al Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese che si è raccomandata con le Autorità, Sindaci e Prefetti di evitare conflitti sociali perché il clima non è caldo, è incandescente e noi Associazioni di Categoria realmente rappresentative siamo stanchi di fare da mediatori.

Quindi se volete confrontarvi direttamente con le centinaia di Operatori che vedono violato il proprio Diritto al Lavoro fatelo pure, vi accorgerete del livello di disperazione della gente. Forse state poco in piazza e per le strade ma se provaste a farlo vi accorgereste che non è più tempo né di propaganda né di illazioni, né di provocazioni” – ha concluso Montaruli.

- Pubblicità -
- Pubblicità -

Speciale COVID-19

Covid – 111 nuovi casi positivi nella Bat, in tutta la Puglia 14 decessi

I decessi registrati: 6 in provincia di Bari, 2 in provincia di Brindisi, 3 in provincia di Foggia, 3 in provincia di Taranto.
- Pubblicità -

Covid – 111 nuovi casi positivi nella Bat, in tutta la Puglia 14 decessi

I decessi registrati: 6 in provincia di Bari, 2 in provincia di Brindisi, 3 in provincia di Foggia, 3 in provincia di Taranto.

Lavori sulla Sp 231 nel tratto Andria-Canosa: “Montegrosso isolata e aziende al collasso”

Nota congiunta dei consiglieri comunali Nino Marmo (La Torre) Luigi del Giudice (Movimento Pugliese) e Marcello Fisfola (Andria Nuova)
- Pubblicità -

Leggi anche

Covid – 111 nuovi casi positivi nella Bat, in tutta la Puglia 14 decessi

I decessi registrati: 6 in provincia di Bari, 2 in provincia di Brindisi, 3 in provincia di Foggia, 3 in provincia di Taranto.

Lavori sulla Sp 231 nel tratto Andria-Canosa: “Montegrosso isolata e aziende al collasso”

Nota congiunta dei consiglieri comunali Nino Marmo (La Torre) Luigi del Giudice (Movimento Pugliese) e Marcello Fisfola (Andria Nuova)

Uil Scuola Puglia scende in piazza contro la DID “a domanda individualizzata”

"Annunciare date per la ripresa significa solo lanciare proclami al vento. La scuola in presenza potrà ripartire quando avremo la necessaria sicurezza e, quindi,...

Trani – Caso tiktok: intervento della consigliera comunale Lia Parente

Urge percorso ente, associazioni ed professionisti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui