- Pubblicità -
sabato, 19 Settembre 2020
Home Attualità Andria - Riccardo Lanzarone inaugura la IV edizione del Festival della Disperazione

Andria – Riccardo Lanzarone inaugura la IV edizione del Festival della Disperazione

Il Festival, in programma dal 10 settembre al 4 ottobre, prevede 8 giornate, 25 autori e 27 eventi in tutto

- Pubblicità -

Al via domani, giovedì 10 settembre, la IV edizione del Festival della Disperazione, l’unica kermesse di cultura e spettacolo che riflette sul sentimento più attuale che mai, percorrendo una strada che dal tragico porta al comico. Il festival, nato nel 2016 fra lo stupore generale, quest’anno trova un’inedita collocazione autunnale a causa delle vicende legate al Covid-19.

A fare gli onori di casa, inaugurando il festival organizzato dal Circolo dei Lettori di Andria, sarà l’attore siciliano Riccardo Lanzarone con il suo “Pizzo, canti di denuncia”, per raccontare che si può essere eroi ma senza superpoteri.

Il progetto è nato dal fortunato e prezioso incontro tra l’attore siciliano Riccardo Lanzarone e il comitato ADDIOPIZZO, un movimento aperto che nasce a Palermo e che agisce dal basso, facendosi portavoce di una “rivoluzione culturale” contro la mafia. È formato da tutte le donne e gli uomini, i ragazzi e le ragazze, i commercianti e i consumatori che si riconoscono nella frase “Un intero popolo che paga il pizzo è un popolo senza dignità”.

L’idea che questa collaborazione vuole portare avanti, che è insita nell’associazione e di cui l’attore si fa specchio e voce è quella di veicolare, attraverso l’atto teatrale, il messaggio per cui denunciare un’estorsione non è un atto impossibile: è un atto da eroi senza dover ricorrere a super poteri. Non deve passare l’idea che per opporsi all’ingiustizia del racket e della mafia ci voglia chissà quale coraggio: denunciare è la normalità e tutti siamo in grado di farlo.
Per queste ragioni, Riccardo Lanzarone scrive una raccolta di racconti sul mondo del racket in Italia con l’obiettivo di sensibilizzare e diffondere la lotta al racket.

Lo spettacolo, che ha debuttato a Rai radio3 il 23 maggio 2020, andrà in scena giovedì 10 settembre alle ore 21 al Seminario Vescovile di Andria.
Il Festival, in programma dal 10 settembre al 4 ottobre, prevede 8 giornate, 25 autori e 27 eventi in tutto. I biglietti per gli spettacoli del Festival della Disperazione sono acquistabili presso la segreteria, in via Pietro Micca, 7, dalle 18:30 alle 21:30, oppure on line sul sito internet www.festivaldelladisperazione.it

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Speciale COVID-19

Coronavirus – In Puglia registrati 108 casi positivi: 12 contagi e 1 decesso nella Bat

Oggi, sabato 19 settembre, in Puglia, sono stati registrati 3.717 test. Gli attualmente positivi in Puglia sono 2088
- Pubblicità -

Andria – Festa Patronale, ci rimane solo “U Mizz Pizz”

Prima la situazione economica e poi il Covid-19 mettono fine alla Festa Patronale. Per gli andriesi restano i dolci tipici e tanta immaginazione...

Circolo della Stampa Bat: Decalogo per aspiranti politici

L'appello, è un invito ai politici della bat a sottoscrivere, almeno idealmente, i dieci principi del Manifesto della Comunicazione non Ostile e a dire: Io#cambiostile.

Trani – Le proposte di Legambiente per la raccolta differenziata

semplici e realistiche proposte volte a ridurre i rifiuti, aumentare la RD, ridurre i disagi ai cittadini, Incrementare i posti di lavoro

Leggi anche

Coronavirus – In Puglia registrati 108 casi positivi: 12 contagi e 1 decesso nella Bat

Oggi, sabato 19 settembre, in Puglia, sono stati registrati 3.717 test. Gli attualmente positivi in Puglia sono 2088

Il calcio dilettantistico piange il bomber Rocco Augelli

Il bomber ex Vigor Trani è morto dopo aver lottato contro una malattia rara

Trani – Le proposte di Legambiente per la raccolta differenziata

semplici e realistiche proposte volte a ridurre i rifiuti, aumentare la RD, ridurre i disagi ai cittadini, Incrementare i posti di lavoro

Circolo della Stampa Bat: Decalogo per aspiranti politici

L'appello, è un invito ai politici della bat a sottoscrivere, almeno idealmente, i dieci principi del Manifesto della Comunicazione non Ostile e a dire: Io#cambiostile.

Andria – Festa Patronale, ci rimane solo “U Mizz Pizz”

Prima la situazione economica e poi il Covid-19 mettono fine alla Festa Patronale. Per gli andriesi restano i dolci tipici e tanta immaginazione...
- Pubblicità -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui