- Pubblicità -spot_img
venerdì, 14 Maggio 2021
HomeBarlettaBarletta - Drogaggio del porto: il 3 maggio conferenza di servizi per...

Barletta – Drogaggio del porto: il 3 maggio conferenza di servizi per l’autorizzazione ambientale

“La conferenza del 3 maggio si terrà in forma sincrona e vedrà la discussione sui pareri espressi dai soggetti interessati con particolare attenzione allo smaltimento dei sedimenti”.

Caracciolo: “Dragaggio porto di Barletta, il 3 maggio conferenza di servizi per autorizzazione ambientale”
“È stata convocata per il prossimo 3 maggio la conferenza di servizi finalizzata all’acquisizione dei pareri necessari all’autorizzazione ambientale per il dragaggio del porto di Barletta. Acquisito l’atto, l’Autorità portuale potrà finalmente bandire la gara per i lavori. Siamo ad un passo dal raggiungimento di un risultato atteso da anni”.

Ad annunciarlo è il consigliere regionale e presidente del gruppo PD Filippo Caracciolo.
“La conferenza del 3 maggio – afferma il consigliere regionale – si terrà in forma sincrona e vedrà la discussione sui pareri espressi dai soggetti interessati con particolare attenzione allo smaltimento dei sedimenti”.

“La realizzazione del dragaggio – spiega Caracciolo – è un’opera estremamente delicata e complicata. Si tratta di un iter iniziato nel 2014 e da me seguito sin dalle prime battute. Dopo le procedure di bonifica bellica nell’ottobre 2019 l’Ispra ha convalidato i dati dei sedimenti oggetto del dragaggio mentre nei primi mesi del 2020 l’Autorità portuale ha stabilito quale materiale potrà essere spostato all’interno del porto e quale invece dovrà essere trasportato in cassa di colmata a Taranto, operazione quest’ultima resa possibile grazie ad un accordo tra l’Autorità portuale dell’Adriatico Meridionale e quella del capoluogo ionico. Nel gennaio 2021 sono stati poi recepiti i pareri propedeutici all’approvazione del progetto definitivo”.

“L’opera dal costo di 6,5 milioni di euro stanziati dalla Regione Puglia renderà il porto di Barletta in grado di ospitare imbarcazioni fino a 10000 tonnellate elevandolo a infrastruttura vitale per l’economia cittadina, provinciale e dell’intera Puglia. Siamo – conclude Caracciolo – ad un passo dal raggiungimento di un risultato storico ed atteso da tutta la comunità”.

- Pubblicità -
- Pubblicità -

Speciale COVID-19

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Leggi anche

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui