- Pubblicità -spot_img
domenica, 28 Novembre 2021
HomeEconomiaCredito d'imposta, le tre misure agevolative rivolte a tutte le imprese

Credito d’imposta, le tre misure agevolative rivolte a tutte le imprese

Per poter beneficiare delle agevolazioni fiscali è necessario versare in una situazione di regolarità contributiva, indipendentemente dall’eventuale presenza di debiti iscritti a ruolo, di rateazioni, o comunque di piani straordinari di pagamento di debiti tributari

La puntata odierna de “Il consulente informa” è volta ad evidenziare quelle che sono le principali caratteristiche tecniche ed alcuni aspetti critici delle 3 seguenti misure: – Credito Imposta Investimenti al Mezzogiorno, – Credito Imposta Beni Strumentali Industria 4.0, – Credito Imposta Ricerca, Sviluppo ed Innovazione.

Il Credito Ricerca e Sviluppo risulta essere la misura tecnicamente più complessa. Si tratta di un bonus fiscale che non concorre alla formazione del reddito, perciò non è soggetto a tassazione. Ciò rappresenta un beneficio fiscale aggiuntivo nel perseguimento dell’obiettivo di recuperare liquidità attraverso una compensazione dei debiti tributari e contributivi. Una delle principali criticità è rappresentata dal fatto che l’ADE ha a disposizione un lasso di tempo pari ad 8 anni per effettuare controlli e verifiche su un’eventuale indebita compensazione del credito, rispetto all’arco quinquennale di riferimento previsto per le ordinarie attività di accertamento, con un rischio di subire sanzioni fino al 200% dell’importo del credito fruito in maniera illecita.

L’ADE fornisce la possibilità di capitalizzare i costi di Ricerca e Sviluppo c.d. “pre-competitivi” nei settori del tessile e della moda. Si fa essenzialmente riferimento ai costi sostenuti per creare e/o aggiornare i campionari, in relazione a tali spese è possibile ottenere il beneficio fiscale, a condizione che ci siano elementi di novità in merito al design, ai tessuti, ed all’analisi dei materiali, ciò in funzione dell’ideazione di un prodotto nuovo o notevolmente migliorato o modificato rispetto al passato.

Le 3 misure agevolative in questione sono rivolte a tutte le imprese, indipendentemente dalla loro natura giuridica, dalle dimensioni, dal settore economico di appartenenza, dal regime contabile adottato e dal sistema di determinazione del reddito ai fini fiscali. L’unica eccezione è rappresentata dal Cred. Imposta Investim. al Mezzogiorno, che non può essere richiesto in relazione agli investimenti effettuati nei settori dell’industria siderurgica, carbonifera, della costruzione navale, delle fibre sintetiche, dei trasporti, della produzione e distribuzione dell’energia, nonché nel settore creditizio, finanziario e assicurativo.

Il Credito Imp. Investim. al Mezzogiorno rappresenta comunque una straordinaria opportunità per il Sud. Infatti le imprese localizzate nelle regioni meridionali hanno di fatto una possibilità di recupero degli investimenti che può giungere sino al 95%, in modo tale da abbattere del tutto le spese sostenute.

Caratteristica che accomuna i crediti imp. Investim. al Mezz. e quelli afferenti l’industria 4.0, è quindi la possibilità di essere cumulati sia tra di loro che con gli altri aiuti di Stato (anche in misura de minimis) che abbiano ad oggetto i medesimi costi ammessi a beneficio, a condizione che il cumulo non porti al superamento del costo sostenuto per l’investimento.

Per poter beneficiare delle suddette agevolazioni fiscali è necessario versare in una situazione di regolarità contributiva, indipendentemente dall’eventuale presenza di debiti iscritti a ruolo, di rateazioni, o comunque di piani straordinari di pagamento di debiti tributari.

Tali benefici fiscali non possono, invece, essere fruiti dalle imprese in stato di liquidazione volontaria, fallimento, liquidazione coatta amministrativa e di concordato preventivo senza continuità aziendale.

Nel corso del prossimo appuntamento de “Il Consulente informa” forniremo ulteriori approfondimenti tecnico-giuridici sulle misure del Cred. Imp. Invest. Al Mezzog., dell’Industria 4.0, nonché sulle principali tematiche relative ai finanziamenti bancari.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

Speciale COVID-19

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

Leggi anche

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui