- Pubblicità -spot_img
venerdì, 18 Giugno 2021
HomeSportTorna il poker live. Il pugliese Lele Sgherza fiducioso nella ripresa

Torna il poker live. Il pugliese Lele Sgherza fiducioso nella ripresa

Il ritorno del poker dal vivo per gli italiani è stato battezzato dallo “Shark Bay”, noto torneo sanmarinese che vede tra i principali promotori “Euro Rounders”, di cui il molfettese Lele Sgherza è direttore esecutivo

Il ritorno del poker dal vivo per gli italiani è stato battezzato dallo “Shark Bay”, noto torneo sanmarinese che vede tra i principali promotori “Euro Rounders”, organizzazione europea di rilievo nel settore, di cui il molfettese Lele Sgherza è direttore esecutivo.

Il poker live è ai primi, importanti, segnali di ripresa.

La nuova stagione – dopo le dovute restrizioni connesse all’emergenza sanitaria – è stata inaugurata dal ritorno di uno dei più prestigiosi eventi presenti in Italia, ovvero lo “Shark Baydi San Marino, che vede tra gli organizzatori “Euro Rounders” e “Giochi del Titano”.

Un’esperienza importante per il rilancio del settore, che ha visto in prima linea l’impegno e l’entusiasmo di Lele Sgherza, direttore esecutivo di ER e orgoglio molfettese, già attivo da tempo nel mondo del poker, anche in quanto già campione regionale di Texas Hold’Em.

Intanto anche il Casinò di Sanremo si è attivato per un nuovo torneo pokeristico live, con la finalità di coinvolgere, oltre ai giocatori delle zone limitrofe alla regione, anche quelli transalpini.

Le riaperture dei tornei, dunque, sempre nell’osservazione dei dovuti protocolli di sicurezza, – utili sia ai giocatori che ai lavoratori – hanno risposto alla grande richiesta dei pokeristi di tornare in sala.

La natura del poker, dopotutto, non può prescindere dalla vitalità dell’esperienza live, come confermato anche dal successo delle varianti online, i cui dati – specialmente nella fase della chiusura delle sale – hanno raggiunto cifre interessanti, con un particolare slancio degli MTT (Multi Table Tournament), in crescita di quasi 29 punti percentuali soltanto tra il marzo e l’aprile del 2020.

Anche per il poker online l’interazione tra i giocatori è infatti una componente essenziale, spesso supportata dalla collaborazione degli operatori legali con le software house più innovative, le quali sono in grado di riprodurre, soprattutto per mezzo di interessanti soluzioni grafiche, l’ambiente della sala fisica.

Non è un caso che il poker in formato digitale sia anche al centro di altre esperienze, comprese quelle per la formazione dei pokeristi del futuro, come, su tutte, quella dell’ “Accademia del Poker School”, la cui borsa di studio per il 2021, nel proprio programma, spazia dalla conoscenza dei cash games fino al “rakeback”, arrivando infine alla variante dei tornei e all’approfondimento dei software di gioco.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

Speciale COVID-19

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

Leggi anche

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui