- Pubblicità -spot_img
martedì, 30 Novembre 2021
HomeAttualitàCanosa, "Palazzo Carmelitani" possibile opzione nell'ospitalità dei cittadini afghani in fuga

Canosa, “Palazzo Carmelitani” possibile opzione nell’ospitalità dei cittadini afghani in fuga

A renderlo noto il primo cittadino Roberto Morra

“Dopo aver manifestato la nostra disponibilità ad accogliere cittadini afghani in fuga con le proprie famiglie dalla loro terra perché perseguitati dai talebani per aver collaborato con le Forze Armate di pace in missione in Afghanistan, oggi, per dar seguito a tale indirizzo, abbiamo effettuato un sopralluogo tecnico all’interno dei locali del Palazzo Carmelitani, ristrutturato in passato grazie ad un finanziamento concesso al Comune di Canosa diversi anni fa per essere destinato all’accoglienza di cittadini stranieri richiedenti asilo e fino ad oggi ancora inutilizzato.

Stiamo cosi finalmente restituendo alla città un importante palazzo storico – spiega Morra – ed allo stesso tempo dotandola di un indispensabile strumento di socializzazione ed integrazione multiculturale, già presente in altre realtà ma di cui noi eravamo finora sprovvisti, intorno al quale si potrà costruire una forte e bella rete di accoglienza e solidarietà. Non si tratterà di semplice ospitalità dal punto di vista dell’alloggio ma è nostra intenzione attivare un percorso di assistenza e inclusione sociale, con particolare attenzione alle famiglie con minori, con l’obiettivo di fornire loro un’integrazione piena nella società italiana anche dal punto di vista linguistico, scolastico e lavorativo.

Inoltre, diverse sono le famiglie canosine che hanno risposto al nostro appello mostrando interesse ad ospitare presso le proprie abitazioni nuclei familiari afghani e i cui riferimenti sono già in possesso della Prefettura che provvederà al più presto contattarle per confermare la disponibilità all’ospitalità. Canosa – conclude il sindaco – ancora una volta non si tira indietro e si conferma città dell’accoglienza e dal grande cuore d’oro”.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

Speciale COVID-19

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

Leggi anche

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui