- Pubblicità -spot_img
mercoledì, 20 Ottobre 2021
HomeTraniCovid:lo sfogo di Carlo Crescente: anticorpi alti e Green pass invalido

Covid:lo sfogo di Carlo Crescente: anticorpi alti e Green pass invalido

Il paziente 1 nella BAT

Riportiamo la lettera giunta in redazione da parte di Carlo CRESCENTE, primo caso covid nella BAT, e che dopo aver effettuato la prima dose della vaccinazione, e non la seconda per i valori IgG alti, non riesce ad avere il Green pass.

***

Mi chiamo Carlo Crescente e sono stato uno dei primi a contrarre il Covid a fine febbraio 2020 ed  ospedalizzato a Bisceglie fino al 24 marzo 2020.

Il giorno 4 giugno del 2021 il medico di famiglia, Dott. Umberto Papaleo, mi ha somministrato la prima dose di vaccino Pfizer Biontech.

Successivamente, a distanza di 3 settimane circa, il 25 giugno, su consiglio medico,  ho effettuato il test sierologico quantitativo (allegato), in laboratorio accreditato, che mi forniva i seguenti valori:

60.263 (UA/ml) Anti Sars CoV2 IgG (RBD-S1)

8.557 (BAU/ml) Anti Sars CoV2 IgG (RBD-S1)

Alla luce di questi valori altissimi fuori dalla norma, il medico ha ritenuto di non dovermi effettuare la 2’ dose di vaccino e mi consigliava di monitorare l’andamento degli IgG.

Anche il medico di laboratorio concordava sulla pericolosità di una seconda dose e per certi versi l’inutilità, visti i valori.

Considerando che milioni di persone in Italia e nel mondo hanno poco più di qualche centinaio di IgG dopo la seconda vaccinazione, con i miei valori, dovrei essere “più coperto” di gran parte della popolazione.

A questo punto nasce il problema, il mio Green Pass a partire dai primi giorni di luglio è diventato invalido, poiché non ho compiuto il ciclo vaccinale, non avendo fatto la seconda dose.

Il giorno 30 agosto, mi sono recato nuovamente al laboratorio di analisi per monitorare l’andamento degli anticorpi, e, come si evince dal referto allegato sono ancora altissimi:

50.478 (UA/ml) Anti Sars CoV2 IgG (RBD-S1)

7.167 (BAU/ml) Anti Sars CoV2 IgG (RBD-S1)

Di conseguenza, non avrebbe senso effettuare la seconda dose, per le evidenti ragioni su menzionate.

Per poter viaggiare e accedere ai mezzi pubblici e locali al chiuso sono costretto a fare ripetuti tamponi.

Mi chiedo e vi chiedo se esiste la possibilità di rendere il mio Grea Pass valido sulla scorta di un metodo scientifico accreditato quale il test sierologico.

E’ paradossale che chi ha fatto le due dosi ma ha un basso numero di anticorpi possa circolare liberamente per i prossimi 12 mesi, mentre chi come, ha delle difese altissime, non può farlo!

Come cittadino, invece mi domando, come possa essere possibile che il mondo scientifico abbia trascurato totalmente quest’aspetto, non credo di essere l’unico.

Monitorare l’andamento degli IgG è sicuramente un metodo valido per capire chi dovrebbe sottoporsi alla seconda ed eventualmente alla terza dose, indipendentemente dall’età, piuttosto che fare vaccinazioni di massa!

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

Speciale COVID-19

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

Leggi anche

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui