- Pubblicità -spot_img
mercoledì, 8 Dicembre 2021
HomeAttualitàIl CPIA BAT investe in sicurezza: installato un defibrillatore e formato il...

Il CPIA BAT investe in sicurezza: installato un defibrillatore e formato il personale alle manovre BLSD

L'acquisto del DAE è stato reso possibile grazie a fondi ministeriali, mentre per la formazione del personale il CPIA BAT ha chiesto ed ottenuto un contributo economico alla Fondazione "Porta sant'Andrea"

Investire in formazione e sicurezza è sicuramente la sfida quotidiana che ogni Istituzione Scolastica è chiamata a cogliere. Il CPIA BAT ha voluto affrontarla anche tramite l’acquisto di un DAE (defibrillatore automatico esterno) e attraverso la formazione BLSD per il proprio personale e per il personale in servizio presso la scuola secondaria di primo grado “G. Salvemini”.

Ricordiamo che BLSD sta per “Basic Life Support Defibrillation” ed indica il protocollo delle manovre da eseguire per soccorrere una persona in arresto cardiocircolatorio con l’ausilio di un defibrillatore.

Si tratta, dunque, di una scelta dalla evidente valenza sociale ed etica, considerato peraltro che il DAE sarà a servizio di qualsiasi emergenza si dovesse verificare nel quartiere di San Valentino.

È il caso di rimarcare il fatto che, se l’acquisto del DAE è stato reso possibile grazie a fondi ministeriali, per la formazione del personale il CPIA BAT ha chiesto ed ottenuto un contributo economico alla Fondazione “Porta sant’Andrea” che ha prontamente riconosciuto e accolto il valore di tale istanza.

Alla giornata di formazione, realizzata lo scorso 22 settembre, è intervenuto anche il prof. avv. Giuseppe Losappio, presidente della Fondazione “Porta sant’Andrea”, che ha ricordato come e quanto la stessa Fondazione, negli anni precedenti quando era presidente il cardiologo Dott. Savino Figliolia, abbia investito in questo campo, nel dichiarato proposito di avere una rete di operatori formati e dotati di certificato BLSD: a nulla infatti servirebbe dotare un territorio di DAE se contemporaneamente non si formassero degli operatori “laici” (cioè non sanitari) pronti a intervenire in caso di emergenza.

Il dirigente scolastico Paolo Farina ha commentato: “Ringrazio la Fondazione Porta sant’Andrea, nella persona del presidente Losappio, per la disponibilità dimostrata. Il talmud di Babilonia ricorda: “Chi salva una vita salva il mondo intero”.

Da oggi, grazie anche al contributo della Fondazione, nella sede del CPIA BAT, in viale dei Comuni di Puglia 4, avremo personale formato a salvare delle vite nel caso in cui, Dio non voglia, si dovesse verificare una situazione di emergenza con persone in arresto cardiocircolatorio».

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

Speciale COVID-19

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

Leggi anche

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui