- Pubblicità -spot_img
mercoledì, 20 Ottobre 2021
HomeAttualitàMai più fascismi, D'Alberto (Cgil Bat): "Pullman in partenza dalla Bat per...

Mai più fascismi, D’Alberto (Cgil Bat): “Pullman in partenza dalla Bat per Roma”

Manifestazione sabato 16 ottobre in piazza San Giovanni. Il sindacato prepara la partenza e ringrazia quanti in queste ore hanno mostrato vicinanza alla Cgil

“Grazie a sindaci, istituzioni, associazioni, partiti, organizzazioni sindacali e datoriali che all’indomani di quanto accaduto a Roma sabato scorso hanno inviato al nostro sindacato messaggi e attestazioni di solidarietà e vicinanza, anche alla Cgil Bat.

E grazie anche a quanti domenica mattina hanno lasciato le proprie case e famiglie per tenere aperte le Camere del lavoro e a chi ha partecipato alle assemblee organizzate in questo territorio per dire tutti insieme ‘Mai più fascismi’ e intonare con noi ‘Bella Ciao’. Abbiamo dimostrato come questo territorio si sia schierato dalla parte della democrazia e della libertà”.

Così il segretario generale della Cgil Bat, Biagio D’Alberto, esordisce annunciando la presenza di una ampia delegazione a Roma per la manifestazione di sabato 16 ottobre organizzata dopo l’attacco squadrista e fascista alla sede del sindacato di Corso d’Italia.

“Saremo in piazza sabato alle 14 per dire ‘no’ ai fascismi e alla violenza e per dire ‘si’ al lavoro, alla sicurezza, ai diritti. E per questo stiamo organizzando pullman dalla Bat per portare a Roma quanti la pensano esattamente come noi e abbiamo avuto dimostrazione del fatto che sono davvero tanti.

Contiamo di riempire una decina di pullman e molte sono le adesioni che nelle nostre Camere del lavoro stiamo raccogliendo, nei prossimi giorni forniremo dettagli maggiori, intanto chi volesse partecipare può rivolgersi presso le nostre sedi”, conclude D’Alberto.



- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

Speciale COVID-19

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

Leggi anche

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui