- Pubblicità -spot_img
sabato, 27 Novembre 2021
HomePoliticaLega Puglia Andria, Abruzzese getta la spugna: "Tradito lo spirito che mi...

Lega Puglia Andria, Abruzzese getta la spugna: “Tradito lo spirito che mi aveva spinto ad aderire”

«Non c’è un’organizzazione, non c’è una linea chiara, entra chiunque: me ne vado»

«Non c’è un’organizzazione, non c’è una linea chiara, entra chiunque: me ne vado».

Così Michele Abruzzese, uno dei fondatori della “Lega Puglia” di Andria, annuncia l’abbandono del partito, dopo una militanza durata da oltre un lustro.
Abruzzese è stato il primo segretario della Lega di Andria artefice d’elezione prima del Sud Italia.

«Sono amareggiato e profondamente deluso – spiega Abruzzese in una nota – perché gran parte del progetto politico annunciato e che intendeva proporre il partito come una realtà di respiro nazionale, differente dagli altri nelle modalità di approccio ai temi e ai problemi dei territori, è stato accantonato.

In particolare, è stata tradita quella che era la “parola d’ordine”: porte chiuse ai riciclati! Poi guardo chi sono oggi i tesserati, mi guardo attorno e non vedo più nessuno (o
quasi) dei miei compagni d’avventura della prima ora e capisco che anche per me non c’è più posto».

Mi chiedo dove sia finito lo spirito della nascita della LEGA, vicino alla gente, di chi è nei problemi di ogni giorno, li combatte con il popolo per il popolo.
Manca quello spirito dell’anima. LA LEGA PUGLIA sembra rassomigliare ad un “tram chiamato desiderio” da parte di chi del movimento non conosce la genesi ma ha solo appetiti elettorali.

In effetti, già altri esponenti storici di “Noi con Salvini” è poi LEGA PUGLIA avevano tirato i remi in barca fin dai mesi che avevano preceduto le consultazioni Regionali e Amministrative dello scorso autunno, in aperta divergenza con la linea dettata dal segretario nazionale e attuata dai suoi riferimenti locali.

Michele Abruzzese aveva resistito, convinto che solo operando dall’interno si sarebbe potuta in qualche modo contrastare la deriva intrapresa dal partito.
«Ci ho provato con tutte le mie forze – sottolinea Abruzzese – ma devo prendere atto che la logica delle nomine calate dall’alto, decise sulla base di valutazioni che rimangono sconosciute hai più e il mancato coinvolgimento della base o, quantomeno, del nucleo storico nelle decisioni cruciali per lo sviluppo del partito rimangono pratiche ampiamente incoraggiate dai vertici e così, mio malgrado, anch’io mi vedo costretto a gettare la spugna».

Tanta amarezza e delusione, nelle parole di Abruzzese, ma non rabbia o risentimento. E infatti: «Auguro agli amici che proseguiranno l’avventura di riuscire a guardare al di là delle aspettative e delle ambizioni personali, di concentrarsi esclusivamente sulle questioni che interessano le persone “comuni” per riportare la “Lega”, ad Andria e in Puglia, al rango di partito – guida del centrodestra».

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

Speciale COVID-19

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

Leggi anche

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui