- Pubblicità -spot_imgspot_img
martedì, 16 Agosto 2022
HomeCanosa di PugliaCanosa - Detenevano in casa hashish e marijuana: arrestati due giovani canosini

Canosa – Detenevano in casa hashish e marijuana: arrestati due giovani canosini

I Carabinieri di Canosa hanno sorpreso un 24enne incensurato ed un 22enne con piccoli precedenti di polizia, mentre erano intenti a confezionare varie dosi di stupefacenti da immettere sul mercato

Nel corso della scorsa settimana sono stati effettuati numerosi servizi di controllo del territorio coordinati dalla Compagnia Carabinieri di Andria, oltre che nel territorio ricadente nel comune federiciano, anche negli altri comuni della propria giurisdizione finalizzati a contrastare la diffusa illegalità e tentare di ridurre al massimo la percezione di insicurezza dei cittadini.

Nella cittadina di Canosa di Puglia in particolare, già agli onori della cronaca per tre arresti operati dalla sezione Operativa dei Carabinieri di Andria pochi giorni fa, sabato scorso i militari questa volta della Stazione di Canosa di Puglia, anche loro impegnati nel monitoraggio del territorio, si erano resi conto della possibile presenza di sostanze stupefacenti in una abitazione decidendo di eseguire una perquisizione domiciliare d’iniziativa.

L’attività investigativa si rivelava proficua poiché gli operanti sorprendevano un 24enne incensurato ed un 22enne con piccoli precedenti di polizia, entrambi di Canosa, mentre erano intenti a confezionare varie dosi di stupefacenti da immettere sul mercato.

In totale sono state sequestrate ben 74 dosi di hashish, per un peso complessivo di 106 grammi, già confezionate in piccoli involucri di cellophane pronte per la vendita al dettaglio, nonché ulteriori 28 dosi di marijuana, del peso complessivo di grammi 28, unitamente a materiale vario utilizzato per il confezionamento della droga.

Le sostanze stupefacenti unitamente al materiale, sono stati posti sotto sequestro. Per i due giovani il Pubblico Ministero della Procura della Repubblica di Trani ha disposto rispettivamente gli arresti domiciliari e la traduzione presso il carcere di Turi in attesa della convalida dell’arresto. All’esito dell’udienza sono state confermate le accuse e le misure restrittive a loro carico.

L’operazione, portata a termine come anzidetto a poche ore da altri arresti operati da militari tutti dipendenti dalla Compagnia di Andria, rientra in un più ampia e programmata pianificazione di contrasto ai fenomeni criminali del comando Provinciale Carabinieri BAT.  

- Pubblicità -spot_img
[DISPLAY_ULTIMATE_SOCIAL_ICONS]
- Pubblicità -

Speciale COVID-19

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

Leggi anche

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui