- Pubblicità -spot_imgspot_img
lunedì, 5 Dicembre 2022
HomeBarlettaBarletta ha celebrato la Giornata mondiale in memoria delle vittime della strada

Barletta ha celebrato la Giornata mondiale in memoria delle vittime della strada

Si è celebrata ieri a Barletta, nella cornice del Castello Svevo e della Cattedrale: all'evento presenti, tra gli altri, l'Arma dei Carabinieri e la Rete delle Associazioni di Barletta, nella persona di Cosimo D. Matteucci

Si è celebrata ieri a Barletta, nella cornice del Castello Svevo e della Cattedrale, la Giornata mondiale in memoria delle vittime della strada. Anche l’Arma dei Carabinieri, da sempre impegnata a garantire la sicurezza stradale e promuovere iniziative utili a migliorarla, era presente all’evento – insieme alle altre Forze di Polizia – con un proprio “stand”, nell’ambito dell’incontro didattico-formativo con i cittadini.

In particolare, i militari dell’Arma barlettana e precisamente quelli in forza alla Sezione Radiomobile, hanno sensibilizzato i più piccoli e i più grandi, sulle principali tematiche riguardanti la sicurezza stradale e i comportamenti virtuosi da tenere alla guida dei veicoli.

Una riflessione su quanto sia rilevante, sulla strada, adottare condotte corrette e consapevoli, evitando distrazione, velocità elevata, mancato rispetto della distanza di sicurezza e della segnaletica stradale, che continuano ad essere alcuni dei tanti errori che si commettono quando si è al volante di un’automobile, una bicicletta o uno scooter. Ma anche tra i pedoni non sono infrequenti comportamenti indisciplinati, dettati molto spesso dalla fretta o, più semplicemente, dalla distrazione.

In questo senso l’Arma dei Carabinieri ricorda a tutti che sulla strada non si scherza. Guidare un veicolo dopo aver bevuto alcolici o aver assunto droghe, utilizzare lo smartphone mentre si guida o si attraversa la strada è pericolosissimo per sé e per gli altri.   

In questa giornata-infine-un pensiero particolare anche a tutti i militari che quotidianamente operano sulle nostre strade per compiere il proprio dovere, svolgendo un servizio molto delicato e rischioso.

All’evento ha presenziato anche la Rete delle Associazioni di Barletta, nella persona di Cosimo D. Matteucci: “Non abbiamo solo commemorato le vittime ma sollecitato la comunità e le Istituzioni a promuovere ogni iniziativa utile a migliorare la sicurezza stradale affinché nessun* perda vita e salute sulle strade. Un evento didattico-formativo finalizzato ad illustrare, non solo alle giovani generazioni, le principali tematiche riguardanti la sicurezza stradale e i comportamenti virtuosi da tenersi alla guida dei veicoli.

Un momento di riflessione e sensibilizzazione sul valore della vita e sulle gravi conseguenze che possono derivare dalla violazione del codice della strada che ha avuto il suo culmine nella simulazione di un sinistro stradale tra un’autovettura e uno scooter.

Grazie a tutti coloro che hanno collaborato per l’ottima riuscita dell’evento.

Grazie alla Prefettura e al Comune di Barletta, grazie all'”Autodemolizione Bellino” e alla Pizzeria “L’Ancora” per aver messo a disposizione rispettivamente l’autovettura e lo scooter utilizzati per la simulazione del sinistro stradale, e grazie alle articolazione locali della Croce Rossa Italiana, Vigili del Fuoco, Polizia di Stato, Carabinieri e Polizia Municipale.

Grazie a Francesco Petruzzelli e al Saint Patrick di Barletta, alla “Moto Center S.n.c. di Rizzi Emanuele e Comitangelo Ruggiero” a Christian Binetti, testimonial in Puglia della sicurezza stradale.

Grazie a tutti e grazie alla Rete delle Associazioni di Barletta perché anche questa volta ha dimostrato come, con la collaborazione e con il collettivo, si possano non solo realizzare grandissimi eventi come quello di oggi ma aspirare a realizzare obiettivi più grandi ed importanti per la nostra città e per la nostra comunità”.

- Pubblicità -spot_img
[DISPLAY_ULTIMATE_SOCIAL_ICONS]
- Pubblicità -spot_img

ATTUALITA'

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

Leggi anche

spot_img

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui