- Pubblicità -spot_img
giovedì, 2 Febbraio 2023
HomeAndriaAndria - Avviata la demolizione della scuola "Jannuzzi" a Santa Maria Vetere

Andria – Avviata la demolizione della scuola “Jannuzzi” a Santa Maria Vetere

Un giorno di festa per Andria, per il quartiere di Santa Maria Vetere con l’avvio dei lavori di abbattimento e ricostruzione della scuola "Jannuzzi" chiusa dal 2002

Un giorno di festa per Andria, per il quartiere di Santa Maria Vetere con l’avvio dei lavori di abbattimento e ricostruzione della scuola “Jannuzzi” chiusa dal 2002.

“E’ un giorno di festa salutato quest’oggi – ha detto il Sindaco, avv. Giovanna Bruno – da una rappresentanza degli allievi delle scuole Di Donna-Jannuzzi che sono ansiosi di vedere la nuova scuola Jannuzzi, frutto di un finanziamento ottenuto grazie all’impegno dell’assessore ai Lavori Pubblici, arch. Loconte. Il passo successivo sarà riadattare l’ex-carcere mandamentale destinato ad ospitare altre attività.

Oggi parte il cantiere dunque, la scuola sarà abbattuta, rasa al suolo e ricostruita. Ora ai residenti che hanno avuto pazienza in questi 20 anni chiediamo ancora pazienza – ha concluso il Sindaco – per i disagi di questo cantiere ma sono necessari, come per gli altri aperti in città, per consentire a questa comunità di riprendere a crescere”.

“Il progetto – ha spiegato l’ass. ai Lavori Pubblici, arch. Mario Loconte – prevede la demolizione integrale del plesso con due nuovi corpi di fabbrica, quello per 9 aule di scuola media, i laboratori ed i servizi, e poi quello, separato, della palestra e questo volutamente proprio per consentire di essere utilizzata dal quartiere e all’esterno c’è un muro da destinare anche al cinema all’aperto, alla socialità, al quartiere. E’ un progetto nuovo ed importante che darà nuova luce al quartiere”. 

L’avvio dei lavori di ristrutturazione e manutenzione straordinaria della scuola “Jannuzzi” è stato preceduto dalla loro aggiudicazione definitiva al consorzio stabile Soledil, che avrà poi 550 giorni per far rinascere lo stabile chiuso dal 2002 quando, dopo il terremoto che a San Giuliano di Puglia costò la vita a 27 bambini ed una maestra dopo il crollo della scuola “Jovine”, ci furono controlli capillari che ne decretarono il pericolo e l’immediata chiusura.

Il comune di Andria nel complesso è destinatario di un finanziamento da 3 milioni di euro grazie al bando “Centrare le periferie”. Il progetto prevede la creazione di 5 aree tematiche con spazi di gruppo, spazi individuali, spazio dell’esplorazione, Piazza o Agorà e spazi informali e relax.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

ATTUALITA'

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

Leggi anche

spot_img

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui