- Pubblicità -spot_img
giovedì, 2 Febbraio 2023
HomeAndriaAndria - San Francesco di Sales, patrono dei giornalisti: la celebrazione al...

Andria – San Francesco di Sales, patrono dei giornalisti: la celebrazione al SS. Salvatore

Anche quest’anno le Diocesi di Andria e Trani si sono ritrovate assieme in occasione della memoria liturgica di San Francesco di Sales, patrono dei giornalisti e degli operatori della comunicazione sociale

Anche quest’anno le Diocesi di Andria e Trani si sono ritrovate assieme in occasione della memoria liturgica di San Francesco di Sales, patrono dei giornalisti e degli operatori della comunicazione sociale.

La Celebrazione Eucaristica si è tenuta oggi, martedì 24 gennaio alle ore 11, nella Diocesi Andria, presso il Santuario del Santissimo Salvatore, sede anche dell’emittente cattolica Teledehon. A presiederla è stato S.E. Mons. Luigi Mansi, Vescovo della Diocesi di Andria.

Così si legge in una lettera ai giornalisti dei Direttori degli Uffici per le Comunicazioni Sociali delle due Diocesi: don Felice Bacco, per Andria, e il diac. Riccardo Losappio, per Trani Barletta Bisceglie.

“Carissimi Amici, come è ormai consuetudine per le nostre Diocesi, il 24 gennaio, memoria di san Francesco di Sales (1567-1622), celebriamo insieme la Festa dei Giornalisti e degli Operatori della Comunicazione Sociale.

Questo appuntamento annuale, accanto ad altri momenti, ci offre l’occasione per sviluppare, in un contesto di preghiera, qualche considerazione sul ruolo dei giornalisti all’interno del variegato mondo della comunicazione. E la riflessione muove proprio dall’esperienza di Francesco di Sales maturata prima nell’attività di studioso e poi nel ministero episcopale come vescovo di Ginevra. Egli si dedicò al giornalismo e alla stampa nel periodo a cavallo tra il millecinquecento e il milleseicento avvalendosi di una cospicua corrispondenza epistolare con i fedeli della sua diocesi, corrispondenza che veniva altresì stampata e diffusa nel territorio a lui affidato”. 

Questo il tema scelto quest’anno da Papa Francesco, in occasione della 57.ma Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali:

«Parlare col cuore:  Veritatem facientes in caritate (Ef 4,15)» (operare secondo la verità nella carità).

Il tema si collega idealmente a quello del 2022, “Ascoltare con l’orecchio del cuore”, e vuole inserirsi in particolare nel cammino che condurrà tutta la Chiesa alla celebrazione del Sinodo di ottobre 2023.

Parlare con il cuore significa “rendere ragione della speranza che è in noi” (cfr 1Pt 3,14-17) e farlo con mitezza, utilizzando il dono della comunicazione come un ponte e non come un muro. In un tempo contraddistinto – anche nella vita ecclesiale – da polarizzazioni e dibattiti esasperati che esacerbano gli animi, siamo invitati ad andare controcorrente, a favorire il dialogo e la comunione, pur rispettando la diversità delle opinioni.

Non dobbiamo temere di affermare la verità, a volte scomoda, che trova il suo fondamento nel Vangelo ma non dobbiamo disgiungere questo annuncio da uno stile di misericordia, di sincera partecipazione alle gioie e alle sofferenze dell’uomo del nostro tempo, come ci insegna in modo sublime la pagina evangelica che narra il dialogo tra il misterioso Viandante e i discepoli di Emmaus.

Oggi, nel drammatico contesto di conflitto globale che stiamo vivendo, è quanto mai necessario l’affermarsi di una comunicazione non ostile. Una comunicazione aperta al dialogo con l’altro, che favorisca un “disarmo integrale”, che si adoperi a smontare “la psicosi bellica” che si annida nei nostri cuori, come profeticamente esortava San Giovanni XXIII, 60 anni fa nella Pacem in Terris.

È uno sforzo che è richiesto a tutti, ma in particolare agli operatori della comunicazione chiamati a svolgere la propria professione come una missione per costruire un futuro più giusto, più fraterno, più umano.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

ATTUALITA'

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

Leggi anche

spot_img

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui