- Pubblicità -spot_img
domenica, 21 Luglio 2024
HomeBarlettaBarletta – Controlli rafforzati contro le affissioni abusive: “E’ indispensabile chiedere l’autorizzazione”

Barletta – Controlli rafforzati contro le affissioni abusive: “E’ indispensabile chiedere l’autorizzazione”

Il Sindaco Cannito: "Alla Polizia Locale sarà dato mandato di intervenire drasticamente per contrastare il fenomeno e restituire il meritato decoro ai luoghi pubblici della città"

L’Amministrazione comunale di Barletta contrasterà energicamente il fenomeno delle affissioni abusive.

“Prevediamo da subito un deciso giro di vite – chiarisce il Sindaco Cosimo Cannito – perché è inammissibile la consuetudine messa in atto da operatori commerciali e da imprese di onoranze funebri di ricoprire muri, pali della pubblica illuminazione, segnaletica stradale, pensiline degli autobus, armadi dei servizi e via discorrendo con una varietà di manifesti e/o locandine non autorizzati.

Un gesto con il quale gli artefici, incuranti delle leggi e delle regole dettate dalla correttezza e dal rispetto del decoro, continuano ad offrire servizi e offerte promozionali di ogni genere.

A queste persone ricordiamo innanzitutto che per le affissioni pubblicitarie è indispensabile chiedere l’autorizzazione al competente ufficio comunale, pagare l’imposta dovuta ed essere così in regola.

Inoltre, rammentiamo alle medesime che un comportamento aderente alla legalità è anche sinonimo di rispetto per i concittadini che agiscono quotidianamente considerando il prossimo e le disposizioni in vigore.

Poiché si è tollerato anche troppo questo malcostume – conclude il Sindaco Cannito – alla Polizia Locale sarà dato mandato di intervenire drasticamente per contrastare il fenomeno e restituire il meritato decoro ai luoghi pubblici della città, soprattutto quelli più rappresentativi dell’identità storica e culturale di Barletta.

Pertanto si confida, per tutelarne l’immagine, nella correttezza dei cittadini ai quali si ricorda che le affissioni al di fuori degli spazi consentiti saranno perseguite con sanzione pecuniaria in quanto costituiscono un illecito amministrativo”.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

ATTUALITA'

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Leggi anche

spot_img