- Pubblicità -spot_img
domenica, 21 Luglio 2024
HomeAndriaAutonomia differenziata – Coratella (M5s) e Di Lorenzo (Pd): “a rischio unità...

Autonomia differenziata – Coratella (M5s) e Di Lorenzo (Pd): “a rischio unità Nazionale e regioni più deboli”

L’autonomia differenziata: un pericolo per l’Unità Nazionale e l’economia delle regioni più
deboli.
A dirlo, i consiglieri comunali andriesi Vincenzo Coratella (M5s) e Michele Di Lorenzo (Pd), che considerano l’autonomia, una minaccia significativa per il principio di unità e indivisibilità della Repubblica, come sancito dalla Costituzione Italiana.
“Questa riforma – continuano Coratella e Di Lorenzo – rischia di creare delle vere e proprie enclave regionali, dove il potere pubblico si concentra e le ricchezze locali vengono preservate a discapito della solidarietà e della perequazione nazionale.
L’autonomia differenziata, recentemente approvata come legge, prevede il trasferimento di
competenze alle Regioni su diverse materie, ma senza garantire i Livelli essenziali di
prestazione (Lep). Questo significa che le regioni più ricche come Veneto e Lombardia,
guidate rispettivamente da Zaia e Fontana, sono già pronte a negoziare il trasferimento delle
prime competenze, creando così un sistema in cui alcune aree del paese avranno maggiori
poteri e risorse a scapito delle regioni più deboli.
Si tratta di un modello che mina la solidarietà e la cooperazione.
La riduzione significativa del fondo per la perequazione infrastrutturale è stata solo il primo
segnale delle conseguenze negative dell’autonomia differenziata.
La riforma cristallizzerà il divario tra le regioni italiane, smantellando il modello regionale
solidale e cooperativo delineato dai padri costituenti.
Il rischio è quello di frammentare ulteriormente l’unità nazionale e di perpetuare disparità
economiche e sociali tra le diverse aree del paese.
Dopo la pubblicazione della legge in Gazzetta Ufficiale, le regioni dovranno deliberare in
base ai loro statuti le richieste di trasferimento di competenze da inviare al governo.
La riforma prevede che i Lep siano definiti entro due anni e finanziati integralmente, senza
generare nuovi o maggiori oneri per il bilancio pubblico.
Questo potrebbe portare a tagli in altre aree di spesa o aumenti di entrate, aggravando
ulteriormente le disparità tra le regioni.


Le regioni più deboli rischiano di non ricevere i finanziamenti necessari per garantire servizi essenziali, mentre le regioni più ricche potrebbero beneficiare di maggiori risorse e poteri.


“È fondamentale
– sottolineano i due consiglieri comunali – informare i cittadini italiani su quanto sta avvenendo. La conoscenza e la consapevolezza di queste dinamiche sono essenziali per difendere l’unità e l’indivisibilità del nostro Paese.
L’invito pressante da rivolgere a tutti i cittadini, le istituzioni locali e le forze politiche è
quello di unirsi nella difesa del principio di solidarietà nazionale e di respingere con forza
qualsiasi forma di autonomia differenziata che possa compromettere l’unità della Repubblica
Italiana.” hanno concluso Coratella e Dilorenzo, che ora di impegnano a proporre un documento che possa fare sentire la voce “auspicabilmente unanime” del Consiglio Comunale di Andria nelle sedi istituzioni regionali e nazionali.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

ATTUALITA'

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Leggi anche

spot_img