- Pubblicità -spot_img
martedì, 18 Giugno 2024
HomeBisceglieBisceglie – “La mia azienda non riapre!”: lettera aperta al Governo di...

Bisceglie – “La mia azienda non riapre!”: lettera aperta al Governo di un imprenditore turistico

“A queste condizioni non si può riaprire: Il turismo è in ginocchio! L’Italia è in (s)vendita, sembra un piano per farla fallire”.
Queste le parole con cui inizia lo sfogo di Vincenzo Rubini, Amministratore Unico dell’agenzia viaggi e tour operator “Enzo Viaggi & Servizi” di Bisceglie, che, con una lettera aperta indirizzata al Governo, esprime le difficoltà e i problemi che stanno riscontrando gli imprenditori turistici in questo momento storico.

La mia azienda non riapre!
Oramai è questa la volontà che iniziano ad esprimere con grande forza tutti quegli imprenditori turistici che, con senso di responsabilità, fino ad oggi hanno cercato soluzioni possibili per andare avanti e per dare futuro ai propri dipendenti e ad un comparto strategico per l’economia della Nazione.
Oggi, per via del silenzio delle Istituzioni, la rassegnazione degli stessi imprenditori ha preso il sopravvento su tutta la positività che, fino all’ultimo, hanno cercato di mantenere alta.

Caro Governo, – continua Rubini – dove sono le “regole certe e condivise” che servono alle imprese per ripartire?
Dove sono gli aiuti annunciati?
Cosa si pensa di ottenere con l’iniquità di un ‘Bonus Vacanze’ sotto forma di credito d’imposta?
E’ questa la tanto annunciata “potenza di fuoco”?
E ancora, può mai esistere un settore turistico senza agenzie viaggi e tour operator?
Può mai esistere un settore turistico senza alberghi e strutture ricettive, compagnie di trasporto, ristoratori e guide turistiche?
Caro Governo, hai idea di quanto valga il turismo in termini di posti di lavoro, punti sul PIL e contributi versati?

Qui occorre un’iniezione di liquidità immediata, servono risorse a fondo perduto, coerentemente con quanto fatto da diversi Stati europei, in favore di un settore che altrimenti non ha possibilità di rialzarsi.
Siamo ben consci che i problemi e le situazioni sul tavolo in seguito all’emergenza Covid-19 siano molte e delicate, ma noi ci sentiamo abbandonati dal Governo e vittime della sua incompetenza nel settore.

Ad oggi e a queste condizioni, le aziende turistiche non possono aprire.
Il nostro auspicio è quello che il mondo del turismo riparta, grazie soprattutto alla forza degli imprenditori del settore, ma il Governo non può abbandonarci a noi stessi.

Ce la faremo(?), si, ma solo con le Istituzioni al nostro fianco” – conclude l’amministratore di “Enzo Viaggi & Servizi”.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

ATTUALITA'

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Leggi anche

spot_img

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui