- Pubblicità -spot_imgspot_img
lunedì, 5 Dicembre 2022
HomeAndriaAndria - Traffico bloccato da 10 TMax per girare un videoclip rap:...

Andria – Traffico bloccato da 10 TMax per girare un videoclip rap: sgomento tra gli automobilisti

Scene viste solo nelle grandi città come Milano, Napoli o Roma, ma che qualche giorno fa hanno addirittura raggiunto il "palcoscenico" delle strade andriesi

Scene viste solo nelle grandi città come Milano, Napoli o Roma, ma che qualche giorno fa hanno addirittura raggiunto il “palcoscenico” delle strade andriesi.

Sono le ore 16 di un afoso sabato pomeriggio ad Andria, l’ultimo di maggio, quando degli insistenti rombi di motore si avvertono in via Verdi, periferia ovest della città.
Un gruppo di scooter, una decina di TMax, tutti neri, stanno bloccando il traffico all’altezza dell’incrocio con via Paganini, facendo sgommare le ruote e creando un’enorme nuvola di fumo.

Il motivo? Stavolta non si tratta di qualche contesa tra utenti della strada, a cui la città è, ahinoi, abituata, ma della registrazione di un videoclip di un cantante rap andriese.
La tecnica usata è la stessa vista negli altri paesi: alcuni ragazzi si dispongono a centro strada per fermare le auto, mentre altri fotografano la scena con il cellulare.
Nel frattempo c’è il rapper che canta, seguito dal videomaker e circondato da un ridotto numero di persone.

A quanto pare, il cantante andriese, protagonista del video, si farebbe chiamare “Roman” e avrebbe già girato dei video rap pubblicati anche su Youtube.
Anche per Roman, però, sarebbe la prima volta in cui, emulando altri rapper, compie un gesto simile, fermando il traffico e creando sgomento e incredulità tra gli automobilisti andriesi. Il traffico è poi tornato alla normalità dopo qualche minuto.

A cura di Alessandro Liso

- Pubblicità -spot_img
[DISPLAY_ULTIMATE_SOCIAL_ICONS]
- Pubblicità -spot_img

ATTUALITA'

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

Leggi anche

spot_img

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui