- Pubblicità -spot_img
lunedì, 27 Maggio 2024
HomeAndriaAndria - Castel dei Mondi, The Jokerman: la follia come unica verità

Andria – Castel dei Mondi, The Jokerman: la follia come unica verità

Michele Maccagno utilizza una delle maschere più famose per riflettere sulla società attuale e le sue contraddizioni

Una notte un uomo vestito da Joker si siede sul cornicione, contemplando la possibilità del suicidio e in che modo attuarlo. Nel frattempo guarda in basso la città e le sue dinamiche, viste dall’alto di un grattacielo.

L’uomo torna in sé e rientra nella festa in maschera dalla quale era uscito, imbottendosi di alcool e droghe, cercando di divertirsi a suo modo con gli amici, ma proprio non gli riesce di essere come gli altri, di vivere una vita normale.

Con la mente vaga ai suoi ricordi di infanzia all’oratorio, dove la vita gli era molto più leggera e tutto era più bello e semplice, anche se pure lì riesce a vedere le prime trame della società alle quali non vuole sottostare. Continuando con invettive contro tutto e tutti, e cercando un senso tra le cose che non riesce a trovare, l’uomo ritorna sul cornicione e…

Michele Maccagno porta in scena il cattivo più amato dal pubblico: il Joker. Lo fa però non portando in scena il personaggio che abbiamo visto in parecchi film, i cui dialoghi vengono riproposti durante il monologo, ma facendo vestire i suoi panni ad un signore anonimo che finisce per immedesimarsi nel Joker stesso e scaricare tutte le sue frustrazioni.

In un flusso di coscienza continuo, cercando persino un rapporto col pubblico, interrogandolo sul proprio modo di vivere, ci si interroga se il pazzo è proprio l’uomo in maschera oppure, come spesso viene attuato in teatro, la maschera non è altro un modo per mettere a nudo tutti i conflitti irrisolti all’interno della società.

Un pezzo davvero sperimentale, senza una trama ben delineata, un’opera coraggiosa portata da Michele Maccagno, che porta sul palco persino la fisicità del Joker, fatta di corse e balletti e modi di fare, talmente radicati nella società, che sono diventati persino meme.

The Jokerman scandaglia sia l’animo umano che la sua psiche, chiedendosi il perché di certi meccanismi sociali e ricordandoci che “la follia è come la gravità, basta solo una piccola spinta”.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

ATTUALITA'

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Leggi anche

spot_img

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui