- Pubblicità -spot_imgspot_img
lunedì, 5 Dicembre 2022
HomeAndriaAndria - Scamarcio (Gen. Cat.): "Il triste Natale dell'Amministrazione Bruno e la...

Andria – Scamarcio (Gen. Cat.): “Il triste Natale dell’Amministrazione Bruno e la vigilia cancellata”

La nota di Gaetano Scamarcio: "La Sindaca intervenga con una deroga, a meno che il divieto sia frutto della voglia del nostro primo cittadino di non scontentare ambienti clericali a lei vicini"

Manca meno di un mese al classico appuntamento del 24 dicembre, il Presidente di Generazione Catuma interviene su un tema molto caro a giovani ed esercenti, a seguito del divieto di “dj set” ribadito dall’assessore Troia nel corso della manifestazione d’interesse per la creazione del cartellone natalizio.

“L’amministrazione Bruno intervenga subito per consentire l’utilizzo di amplificatori sonori -esordisce in una nota Gaetano Scamarcio – l’Art. 28 del Regolamento di polizia e sicurezza urbana contempla la possibilità di derogare al divieto in occasione di pubbliche manifestazioni e mai come stavolta tale intervento è necessario.

Lo scorso anno, utilizzando lo spauracchio del Covid – continua il giovane esponente del centro-destra cittadino – si è celata quella che è una precisa volontà politica di questa amministrazione, ovvero azzerare la movida andriese natalizia che tanto ci invidiano le città limitrofe. 

Sarebbe assurdo vanificare quello che si è fatto nei 9 anni di amministrazione di centro-destra per rendere Andria una vetrina dell’intrattenimento, grazie allo sforzo dei nostri commercianti sempre in prima linea, e ancor più assurdo sarebbe costringere i nostri giovani ad emigrare verso altri luoghi.

Il Sindaco ci ripensi – conclude Scamarcio – d’altronde il suo stesso partito, il PD, ha presentato un ordine del giorno di modifica del regolamento nel consiglio comunale di ottobre. 

Si ragioni sulla modifica tutti insieme da gennaio, ma ADESSO Giovanna Bruno intervenga con una deroga, a meno che il divieto sia frutto della voglia del nostro primo cittadino di non scontentare ambienti clericali a lei vicini, a danno degli andriesi. Andria non merita un Natale triste, non lo meritano i commercianti, non lo meritano i cittadini.

Non vogliamo diventare la città delle candele accese e della decrescita infelice. Siamo certi che su questo argomento molti dell’attuale maggioranza, oltre che speriamo tutta l’opposizione di centro-destra, condividano le nostre preoccupazioni. In caso di rispose evasive o negative ci attiveremo con una immediata raccolta firme e con altre iniziative” – conclude Scamarcio.

- Pubblicità -spot_img
[DISPLAY_ULTIMATE_SOCIAL_ICONS]
- Pubblicità -spot_img

ATTUALITA'

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

Leggi anche

spot_img

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui