- Pubblicità -spot_img
lunedì, 24 Giugno 2024
HomeEconomiaRistrutturare casa con i bonus statali nel 2023: come fare

Ristrutturare casa con i bonus statali nel 2023: come fare

Nella legge di Bilancio 2023, il Governo ha prorogato fino al 2024 tutti i bonus casa che erano in vigore nel 2022

Nella legge di Bilancio 2023, il Governo ha prorogato fino al 2024 tutti i bonus casa che erano in vigore nel 2022. Alcuni sono rimasti invariati, altri invece hanno subìto delle modifiche per quanto riguarda il tetto massimo di spesa o l’aliquota dell’agevolazione. Nonostante le riduzioni, è tuttavia possibile realizzare lavori di ristrutturazione e riqualificazione edilizia con ottimi incentivi.

Per prepararsi all’operazione è necessario fare un sopralluogo e pianificare gli interventi da effettuare e poi affidare il progetto ad una ditta specializzata assicurandosi di avere tutti gli attrezzi da utilizzare in cantiere. Per usufruire degli incentivi è inoltre necessario conoscere bene quali sono i requisiti per accedere ai bonus statali e qual è la documentazione da presentare. Si rischi altrimenti di non ricevere la riduzione.

Quali sono i bonus statali per la casa 2023

I bonus statali in vigore nel 2023 sono molteplici e riguardano opere di ristrutturazione, restauro e interventi di eliminazione delle barriere architettoniche.
Il bonus con l’aliquota più alta resta il Superbonus, che prevede un’agevolazione del 90% sui lavori di efficientamento energetico degli edifici che permettono alla struttura di effettuare il passaggio di due classi energetiche. Il bonus viene però limitato ai condomìni, alle ONLUS, alle cooperative, alle case popolari e ai privati, se l’abitazione è prima casa e se il reddito è inferiore ai 15.000 euro, reddito che viene calcolato con un nuovo sistema.

Il bonus ristrutturazione resta invece identico e consente di ammortizzare le spese di ristrutturazione degli edifici del 50% su un tetto di spesa massimo di 96.000 euro per unità immobiliare. Si possono eseguire lavori di restauro conservativo, ristrutturazioni interne ed esterne, sostituzione degli infissi e tutta una serie di interventi che migliorano l’efficienza dell’abitazione. Al bonus ristrutturazione si possono aggiungere anche altre agevolazioni, come il bonus mobili che permette di acquistare mobili ed elettrodomestici con un’agevolazione del 50% e anche il bonus verde, che prevede un’aliquota del 36% sulla realizzazione di interventi per ripristinare aree verdi e giardini.

Nel 2023 è stato prorogato anche il bonus barriere architettoniche, da richiedere per gli interventi che mirano all’eliminazione degli ostacoli strutturali degli edifici, per consentire un accesso facilitato alle persone con disabilità o con difficoltà motorie.

Ristrutturare casa con i finanziamenti della regione Puglia

Oltre ai bonus statali per l’efficientamento degli edifici ci sono opportunità di finanziamento anche da parte della Regione Puglia.
Ad aprile 2022 sono stati ad esempio pubblicati i bandi per la riqualificazione degli edifici rurali e dei trulli della Regione. Il consiglio è di consultare la sezione avvisi e bandi della Regione Puglia per conoscere con tempestività le opportunità di finanziamento per la ristrutturazione degli edifici. Potrebbero anche essere dei contributi a fondo perduto, che quindi ridurrebbero ancora la percentuale di investimento.

La documentazione da conservare

Per richiedere le agevolazioni, è necessario consegnare all’Agenzia delle Entrate tutti i documenti relativi alla casa e tutte le copie dei bonifici effettuati per le spese. Al termine dei lavori è inoltre obbligatorio caricare sul sito dell’ENEA i dettagli dell’intervento. Il termine per la consegna è fissato entro i 90 giorni dalla data di fine lavori dichiarata dal direttore dei lavori o la data di eventuali collaudi di impianti. Per l’acquisto degli elettrodomestici la data di riferimento è quella riportata sul bonifico o di un documento d’acquisto.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

ATTUALITA'

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Leggi anche

spot_img

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui