- Pubblicità -spot_img
giovedì, 20 Giugno 2024
HomeAndriaAndria - Centrodestra: "Capigruppo svuotati della funzione di condivisione e collegialità delle...

Andria – Centrodestra: “Capigruppo svuotati della funzione di condivisione e collegialità delle decisioni”

La nota è a firma di Donatella Fracchiolla (Forza Italia), Gianluca Grumo (Lega Salvini), Andrea Barchetta (Fratelli d'Italia)

“L’Amministrazione Bruno vive all’insegna di Consigli comunali che iniziano dopo l’ora di tolleranza rispetto a quella di convocazione; ordini del giorno asseritamente urgenti aggiunti a poche ore dall’inizio dei lavori; capigruppo destituite di qualsiasi funzione di condivisione e collegialità delle decisioni da prendere circa la programmazione dei lavori del Consiglio. Una direzione dei lavori tristemente irricevibile da parte nostra” – la nota è a firma di Donatella Fracchiolla (Forza Italia), Gianluca Grumo (Lega Salvini), Andrea Barchetta (Fratelli d’Italia).

“In particolare, in occasione dell’ultima capigruppo, è accaduto che la stessa, convocata con una non meglio precisata urgenza, poi rimandata, si è conclusa, formalmente, fissando il prossimo CC per il giorno 21 cm, salvo poi notificare la convocazione per il giorno precedente.

In data 14 cm, infatti, il Presidente del Consiglio, ad appena 24 ore dal precedente Consiglio Comunale, convocava, con “urgenza” una riunione dei capigruppo per la calendarizzazione dei successivi lavori di competenza della Assise. Nella medesima data, tuttavia, revocava tale convocazione e la rinviava a data da destinarsi. Il giorno seguente, fissava nuovamente la riunione per il giorno 17, ribadendo il carattere di urgenza, senza, tuttavia, indicare di quali provvedimenti si trattasse.

Giunti in riunione, non senza perplessità e disagio per le comunicazioni inviate, revocate e rinviate, i capigruppo apprendono che l’urgenza era riferita ad un unico provvedimento, riguardante la costituzione di una fondazione, unitamente ad altri soggetti, anche privati, nella quale il Comune dovrebbe porsi quale socio fondatore. Ci sarebbe un esborso economico da parte dell’ Ente e le opportunità per lo stesso; gli eventuali profili di responsabilità; nonché la compatibilità con le finalità della costituenda Fondazione, tutte ancora da valutare!

La firma del relativo atto notarile è prevista per il giorno 22 cm, da qui la necessità di fissare prima la data per la riunione dei componenti della Commissione competente e poi quella per il Consiglio Comunale, entro il 21 cm.

La riunione dei Capigruppo si conclude con la fissazione del prossimo CC per il giorno martedì 21 cm (e la commissione da convocarsi per il 20 cm). Il tutto come evincibile dal verbale di chiusura della riunione, del quale, gli odierni scriventi hanno già provveduto a richiedere formalmente copia.

Ciononostante, dopo qualche manciata di minuti dalla chiusura dei lavori della Capigruppo, con molti rappresentanti già andati via, il Presidente del Consiglio invia la convicazione del prossimo CC per il giorno 20, in luogo del giorno 21, con unico punto all’odg, quello sulla Fondazione sopra richiamato ed eliminando le interrogazioni prima calendarizzate come da verbale per il 21.

Tale incresciosa situazione sarà oggetto di esposto al Prefetto da parte dei soggetti scriventi, affinché si provveda a richiamare il rispetto dei regolamenti e delle funzioni di imparzialità e corretta conduzione dei lavori da parte del Presidente del Consiglio” – concludono la nota.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

ATTUALITA'

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Leggi anche

spot_img

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui