- Pubblicità -spot_img
giovedì, 23 Maggio 2024
HomeAndriaAndria – A Nicola Scaringi il Premio Giornalistico “Michele Palumbo”

Andria – A Nicola Scaringi il Premio Giornalistico “Michele Palumbo”

Un doppio evento, mercoledì 28 giugno 2023, presso la Biblioteca comunale Giuseppe Ceci, che ha unito la cerimonia del "Premio giornalistico Michele Palumbo" e un seminario formativo riservato ai giornalisti

Un doppio evento, mercoledì 28 giugno 2023, presso la Biblioteca comunale Giuseppe Ceci di Andria, che ha unito la cerimonia del “Premio giornalistico Michele Palumbo”, intitolato al giornalista andriese Michele Palumbo, corrispondente e opinionista per quasi 30 anni de “La Gazzetta del Mezzogiorno, e il seminario formativo riservato ai giornalisti dal titolo: “Il giornalismo costruttivo tra etica dell’informazione e intelligenza artificiale”.

A seguire la premiazione degli elaborati per il “Premio Palumbo”, organizzato ancora una volta dal Circolo della Stampa Bat “San Francesco di Sales”, in collaborazione con il Consiglio dell’Ordine dei Giornalisti della Puglia e l’Associazione della Stampa di Puglia, gode dell’Alto patrocinio e del sostegno del Consiglio Regionale della Puglia e della Città di Andria.

La cerimonia ha visto la premiazione anche di diversi studenti del Liceo Scientifico Nuzzi e del Liceo Classico Troya, le due scuole più sentimentalmente “legate” a Palumbo. All’evento presenti anche i fratelli del compianto giornalista.

Tra i premiati, Menzione Speciale per il giornalista Damiano Landriccia.

Ecco i vincitori:

NICOLA SCARINGI (I CLASSIFICATO)
MOTIVAZIONE:
In un toccante servizio video, con le immagini del territorio ucraino bombardato e devastato, alternato agli sguardi dei profughi costretti ad abbandonare le proprie città, ricostruisce in poco più di un minuto l’inutilità e la miseria della guerra. Con le parole di Papa Francesco che diventano un sottotesto profondo e sintetico, capace di dare un senso a questo prezioso lavoro giornalistico.

LUCA CICIRIELLO (II CLASSIFICATO)
Articolo: DA MICHELE PALUMBO A MARIO NATANGELO, PASSANDO PER LERCIO: IRONIA E SATIRA, ARMI NON VIOLENTE
MOTIVAZIONE:
Il suo elaborato descrive l’intelligenza di mezzi come ironia e satira: se usati a dovere, risultano spesso più efficaci di qualsiasi altro stile giornalistico. Ricordando la leggerezza e la sottigliezza della penna di Michele Palumbo, e passando per il vignettista Mario Natangelo e Eddie Settembrini, uno dei padri di Lercio. In un excursus accattivante anche sul “mock journalism” europeo e un accenno ai sistemi dell’intelligenza artificiale, ancora poco avvezza a una reale satira letteraria.

RAFFAELLA CAPRIGLIA (III CLASSIFICATA)
Articolo: IHRAHIMA SAWANEH, DALLA GAMBIA A TARANTO PER DIVENTARE UNO CHEF AMATO DA BOTTURA: “NEI MIEI PIATTI AFRICA E PUGLIA”
MOTIVAZIONE:
Il suo articolo racconta una storia bellissima, di speranza e voglia di vivere: passare dalla disperazione e dalla situazione difficile del proprio Paese natale, all’ottenimento di un lavoro, alla realizzazione personale e alla formazione di una famiglia. L’esempio del gambiano Ihrahima Sawaneh, oggi diventato cuoco di successo, è un monito da non dimenticare.

DAMIANO LANDRICCIA (MENZIONE SPECIALE DELLA GIURIA)
Articolo: UCRAINA: LO STORYTELLING DI UNA GUERRA MODERNA CHE UCCIDE QUANTO UNA VECCHIA
MOTIVAZIONE:
In un articolo di peso e sostanza, descrive la follia di una guerra moderna – quella fra Russia e Ucraina -, che prosegue attraverso uno storytelling pieno di insensatezze, contraddizioni e personaggi ai limiti del grottesco. Tra citazioni che colpiscono nel segno, l’articolo invita a riflettere tra bene e male, e ad analizzare ogni dettaglio di una situazione in cui – per dirla con l’autore – «gli stati vincono e i popoli perdono».

JACOPO MATERA (LICEO CLASSICO)
Saggio storico-filosofico
MOTIVAZIONE: il testo si presenta originale, ricco nelle citazioni, coerente nello sviluppo, approfondito nelle conoscenze e nell’analisi della traccia che appare complessivamente rispettata in ogni sua parte. Corretto dal punto di vista dello stile, strutturato in modo creativo, lo scritto è esposto sotto forma di saggio, diviso in paragrafi, con ampi riferimenti all’attualità, ai dati storici e ai concetti filosofici di pertinenza.

Attestati di partecipazione a Sara Lapenna/Davide Quacquarelli/Tommaso Lamesta.

CLASSE IV D (LICEO SCIENTIFICO)
Saggio di filosofia sul tema
“È PROPRIO DEL FILOSOFO QUESTO CHE TU PROVI DI ESSER PIENO DI MERAVIGLIA; NÈ ALTRO COMINCIAMENTO HA IL FILOSOFARE CHE QUESTO” (PLATONE TEETETO 155D)

Attestati di partecipazione a Giulia Lomuscio/Lorenzo Carbutti/Adriana Losito/ Mattia Verde.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

ATTUALITA'

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Leggi anche

spot_img