- Pubblicità -spot_img
domenica, 16 Giugno 2024
HomeAndriaAndria – Spacciano davanti al Comune, poi tentano di rompere le telecamere:...

Andria – Spacciano davanti al Comune, poi tentano di rompere le telecamere: identificati

A darne notizia è l'Assessore alla Mobilità, Pasquale Colasuonno: "Non contenti del fermo per uso di cocaina la settimana scorsa, ci hanno riprovato, questa volta hanno provato a spaccare le telecamere con bastoni e pietre"

Il Cortile interno del Palazzo di Città di Andria adibito a “piazza di spaccio”. Fortunatamente i cocainomani sono stati ripresi dalla videocamere di sorveglianza che poi gli stessi hanno anche cercato di spaccare: a darne notizia è l’Assessore alla Mobilità, Pasquale Colasuonno:

Non contenti del fermo per uso di cocaina la settimana scorsa, ci hanno riprovato, questa volta hanno provato a spaccare le telecamere con bastoni e pietre. Le telecamere non solo non le hanno spaccate ma li hanno anche ripresi. Quindi ora saranno identificati e perseguiti. Nuovo giro, nuova corsa.

Questo vuol dire occuparsi di sicurezza in città, – continua Colasuonno – aver a che fare giorno e notte con microcriminali recidivi e azioni illegali reiterate della più varia tipologia.

Già perché mentre di notte accade questo, di giorno c’è ad esempio la questione bici elettriche/monopattini. E nel giro di una settimana grazie a posti di blocco mirati abbiamo fatto 92 verbali. Certo non basta, ma chi ha detto che ci fermeremo?

E non è tutto. Perché la Polizia Locale non deve solo monitorare le telecamere, identificare, perseguire, fermare le bici elettriche e i monopattini. Dopo di ciò ci sono le infrazioni degli automobilisti, i pronti interventi, le deiezioni canine, l’occupazione suolo pubblico, verificare i cantieri edili, contrasto al randagismo e così via.

Il tutto con 60 uomini in organico – spalmati ovviamente su più turni – dunque un numero di agenti ampiamente al di sotto del numero di agenti che per legge dovrebbe avere una città come Andria.

Ad ogni modo il lavoro va avanti e i risultati, qualunque sia il fronte su cui decidiamo di concentrarci, arrivano. Con più forze potremmo tenere aperti più fronti, e più a lungo, e non escludo che in un prossimo futuro non ce ne sia la possibilità. Per adesso dobbiamo stringere i denti e proseguire sulla strada intrapresa” – conclude l’Assessore alla Mobilità.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

ATTUALITA'

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Leggi anche

spot_img