- Pubblicità -spot_img
sabato, 20 Aprile 2024
HomeAndriaAndria – Comitato nuovo Ospedale: “Il procedimento per la realizzazione va avanti”

Andria – Comitato nuovo Ospedale: “Il procedimento per la realizzazione va avanti”

Il comitato ha posto la dovuta attenzione alle sedute della Commissione Sanità, partecipandovi anche da invitata, del Consiglio Regionale

“La missione principale del Comitato per il Nuovo Ospedale di Andria è, come noto, quella di seguire, mantenendo alta l’attenzione, passo dopo passo, il complesso procedimento amministrativo che porterà alla realizzazione del nuovo Ospedale” – questa la nota divulgata dal Comitato.

“Mai rivendicando un ruolo di esclusività, ma di affiancamento a tutti gli attori in campo.
Il comitato ha posto la dovuta attenzione alle sedute della Commissione Sanità, partecipandovi anche da invitata, del Consiglio Regionale.

Ha inoltre richiesto, ed ottenuto, incontri specifici con il Presidente Michele Emiliano, con l’assessore Rocco Palese e con il Direttore del Dipartimento Salute Vito Montanaro.
In questo percorso oggi si raggiunge una nuova tappa, ovvero la Determinazione Dirigenziale n. 158 del 10 agosto 2023, annunciataci dal dottor Montanaro e puntualmente approvata.

L’atto, che qui di seguito pubblichiamo, costituisce un documento importante, che chiarisce anche alcuni passaggi del procedimento che potevano indurre a temere sul buon esito dell’operazione”.

“Al fine di consentire a tutti gli aderenti al Comitato una comprensione rapida dei contenuti della determina dirigenziale appena pubblicata, qui di seguito riportiamo delle sintesi esplicative ed essenziali di più rapida lettura.

Innanzitutto la Determinazione Dirigenziale conclude la Conferenza di Servizi indetta il 29.11.2021 e che ha avuto due riunioni, la prima il 15.12.2021 e la seconda e conclusiva in data 28.2.2022, a seguito delle quali tutti gli enti interessati hanno fornito il proprio parere: taluni con raccomandazioni e prescrizioni alle quali il progetto dovrà adeguarsi.

Vengono recepite inoltre le osservazioni conseguenti alla verifica del progetto da parte di Asset, alle quali il progetto dovrà adeguarsi nella fase successiva.
Si prende atto del progetto che dovrà essere adeguato, sciogliendo il dubbio sull’eventualità di un nuovo progetto: il progetto quindi rimane quello originario, ancorché rivisto, evitando così di ricominciare tutto daccapo.

Il documento infine approva le risultanze della Conferenza di Servizi producendo tre effetti conseguenti:
– La Regione prende atto del progetto (pur se non ancora approvato dalla ASL) al fine del procedimento di variante urbanistica e dei conseguenti espropri;
– La ASL dovrà procedere al progetto definitivo, rispettando tutte le prescrizioni;
– Regione e Comune potranno, in conseguenza di questo atto, procedere alla sottoscrizione dell’Accordo di Programma ed il Consiglio Comunale, entro i successivi 30 giorni, dovrà approvare la variante urbanistica.
Siamo certi che ciascun soggetto istituzionale, per la parte che compete, adotterà gli atti relativi.

Seguiremo, naturalmente, le fasi successive per le qual sin da ora indichiamo la criticità da superare: integrare la quota finanziaria mancante. Comprendiamo bene che se ne parlerà in particolare con l’approvazione del progetto definitivo, ed è anche per questo continueremo a tenere alta l’attenzione” – conclude la nota.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

ATTUALITA'

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Leggi anche

spot_img