- Pubblicità -spot_img
martedì, 21 Maggio 2024
HomeAndriaAndria – Piazza Catuma si veste di rosso per tutte le donne...

Andria – Piazza Catuma si veste di rosso per tutte le donne che non ci sono più

Flash mob “Farfalle rosse” lanciato dalle donne e uomini della Cgil Bat il 24 novembre alle ore 18, in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne

In occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne del 25 novembre in piazza Catuma ad Andria la voce di donne e uomini che insieme vorranno urlare il proprio no alla violenza e ai femminicidi, ma anche a tutte quelle sopraffazioni che avvengono talvolta tra le mura di casa.

La Cgil Bat ha lanciato l’idea di un un flash mob “Farfalle rosse” per dire che l’amore non uccide e per farlo invita tutti i partecipanti ad indossare una felpa, un cappello o un foulard rosso, al centro della piazza sarà posizionata una farfalla rossa e tutti i presenti si riuniranno formando un grande cerchio, uniti da un filo rosso di un gomitolo di lana.

Così per dire tutti insieme che “l’amore non uccide” e che riannodando quel gomitolo c’è qualcuno pronto ad aiutare donne in difficoltà. Un invito insomma a parlarne e ad uscire dal silenzio. Un invito a chiedere aiuto.

Il flash mob si terrà domani, venerdì 24 novembre 2023, alle ore 18, in piazza Catuma.

“Abbiamo scelto di anticiparlo di un giorno proprio per rafforzare l’idea che la violenza si combatte tutti i giorni. Il simbolo del manifesto è una farfalla fatta con il gomitolo ad indicare la sua apparente fragilità se imprigionata ma di fatto è segno di rinascita e rigenerazione.

Simbolo dell’animo umano capace di rinnovarsi. Un fattore determinante è fare rete, siamo più forti quando lavoriamo insieme, insieme possiamo resistere all’arretramento dei diritti delle donne”, dichiara Rosa Sgaramella, segretaria confederale Cgil Bat.

“Abbiamo allargato l’invito ad alcune associazioni del territorio, a rappresentanti istituzionali e a tutte le donne e gli uomini che sentono di voler essere al nostro fianco perché questa è una battaglia di tutti.

Di fronte a più di 100 donne morte nel 2023, l’ultima Giulia solo qualche giorno fa, non possiamo stare a guardare. Speriamo che siano presenti soprattutto molti giovani perché per invertire la rotta è da loro che dobbiamo ripartire”, conclude Michele Valente, segretario generale Cgil Bat.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

ATTUALITA'

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Leggi anche

spot_img