- Pubblicità -spot_img
sabato, 2 Marzo 2024
HomeAmbienteBarletta – Monitoraggio ambientale zona industriale, Caracciolo: “In arrivo 7 nuovi piezometri”

Barletta – Monitoraggio ambientale zona industriale, Caracciolo: “In arrivo 7 nuovi piezometri”

Il presidente del gruppo Pd, Filippo Caracciolo: "Grazie allo stanziamento di risorse pari a 100mila euro sarà possibile installare 7 nuovi piezometri tra via Trani e strada vicinale Misericordia"

“L’azione della Regione Puglia per il monitoraggio ambientale della zona industriale di Barletta va avanti senza sosta. Grazie allo stanziamento di risorse pari a 100mila euro sarà possibile installare 7 nuovi piezometri tra via Trani e strada vicinale Misericordia”. Così il presidente del gruppo Pd, Filippo Caracciolo

“Nel corso di un tavolo tecnico in Regione alla presenza di rappresentanti di Arpa Puglia e della provincia Bat, cui il comune di Barletta non ha inteso partecipare, ci si è confrontati sulle modalità di utilizzo delle risorse stanziate.

Come già emerso dai tavoli precedenti – afferma Caracciolo – l’orientamento è quello di procedere ad un approfondimento delle analisi già messe in atto. Seguendo tale linea, si è stabilito di eseguire nuovi punti di campionamento della falda mediante l’installazione di 7 nuovi piezometri in modo da infittire la maglia dei punti di osservazione tra via Trani e strada vicinale Misericordia, un’area circoscritta in una zona nella quale sono già state rilevate contaminazioni. Tali attività concorrono utilmente ad accertare le responsabilità dell’inquinamento”.

“Sin dal 2015, su mio forte e costante impulso,  la Regione Puglia sta sostenendo dal punto di vista finanziario le attività di monitoraggio utili a salvaguardare dal punto di vista ambientale la città di Barletta.

Grazie al lavoro sinergico tra tutti gli enti  si arriverà a individuare le sorgenti di contaminazione e, di conseguenza, alle soluzioni utili per interrompere i fenomeni attivi e procedere alla bonifica delle zone inquinate. Andiamo avanti per garantire ai barlettani le risposte che meritano e soprattutto per tutelarne il diritto alla salute”.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

ATTUALITA'

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Leggi anche

spot_img