- Pubblicità -spot_img
domenica, 3 Marzo 2024
HomeAttualitàGioco pubblico, in arrivo il nuovo bando di gara sulle concessioni

Gioco pubblico, in arrivo il nuovo bando di gara sulle concessioni

Grandi novità per quanto riguarda le concessioni degli operatori relative al gambling online, un settore che è sempre più centrale nell’economia nazionale

Grandi novità per quanto riguarda le concessioni degli operatori relative al gambling online, un settore che è sempre più centrale nell’economia nazionale.

La bozza di decreto contenente il bando di gara per le concessioni del gioco online è sicuramente l’argomento forte per gli esperti del settore e per i suoi lavoratori. Una bozza fortemente voluta dal Ministero dell’Economia e redatta da una commissione ad hoc guidata dal direttore di ADM, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Stato.

Tanti i numeri in ballo, a iniziare dai costi e dal limite alle concessioni, con gli operatori che hanno già iniziato a portare avanti alcune richieste: il nuovo bando, infatti, deve assecondare la crescita del comparto e non bloccarla. Il rischio maggiore all’orizzonte, oltre all’aumento dell’accise e la riduzione delle licenze che potrebbe ridimensionare l’attuale struttura dei casinò online italiani regolamentati.

I numeri del gambling in Puglia

Il settore dei giochi vale oltre 8 miliardi e 410 milioni di gettito erariale, ripartito tra prelievo, utile e imposta unica. Basta questo, insomma, per capire la sua importanza nell’economia nazionale. Per fotografare la situazione della Puglia, invece, sono utili i numeri contenuti nel report del Libro Blu 2021, all’interno del quale si legge come nella nostra regione, calcolata insieme a Basilicata e Molise, ci siano oltre 20 mila apparecchi AWP e oltre 3.700 VLT per più di 5 mila esercizi e sale attive. Una filiera che gioca un ruolo importante sul campo occupazionale e professionale e che adesso viene messa nuovamente in discussione dal nuovo bando di gara.

Concessioni, ecco le novità per il gambling

Stando a quanto si legge in questo articolo, le stime condotte da Ficom Leisure parlano di 7 milioni di euro di costi delle concessioni, con un limite di massimo 5 per singolo gruppo. Il numero, quindi, oscillerà tra le 22 e le 27 società italiane e straniere, con una gara che potrebbe produrre un introito erariale di oltre 180 milioni di euro.

A partecipare saranno 83 società concessionarie (53 italiane e 30 estere), il che vuol dire che molte rischiano di rimanere fuori, un rischio veramente alto per la filiera del gambling online in Italia, che solo nel 2022 ha sfiorati i 4 miliardi di spesa e ha garantito, da solo, oltre 1 miliardo di gettito erariale. Bisognerà aspettare, insomma, per capire quale futuro ci sarà.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

ATTUALITA'

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Leggi anche

spot_img