- Pubblicità -spot_img
lunedì, 27 Maggio 2024
HomeCanosa di PugliaCanosa alla Borsa Internazionale del Turismo di Milano 2024: presentata la proposta...

Canosa alla Borsa Internazionale del Turismo di Milano 2024: presentata la proposta turistica della BAT

Secondo giorno di Borsa Internazionale del Turismo a Milano per la Regione Puglia i cui stand sono stati letteralmente presi d'assalto

Secondo giorno di Borsa Internazionale del Turismo a Milano per la Regione Puglia i cui stand sono stati letteralmente presi d’assalto.

Più di 100 i Comuni protagonisti, fra cui quello di Canosa di Puglia, con 45 postazioni e più di 60 operatori che hanno illustrato e promosso i vari appuntamenti organizzati e lanciati dai vari Enti oltre a prodotti enogastronomici ed attrazioni culturali.

I dati parlano di un flusso turistico in crescita, con 16 milioni di presenze nel 2023, il 4% in più rispetto all’anno precedente, numeri questi che hanno visto anche la Provincia BAT recitare un ruolo da protagonista. I 10 Comuni della Sesta Provincia, in sinergia, hanno così promosso le proprie ricchezze ed il territorio tutto in sinergia sotto uno slogan comune quale “BATte alla Bit il cuore della Puglia”.

A rappresentare Canosa di Puglia l’Assessore al Turismo Cristina Saccinto: «Parlare di turismo a Canosa significa parlare del suo immenso patrimonio archeologico che va raccontato con modalità innovative al fine di andare incontro alle esigenze di un turismo che cambia.

A questo proposito, i due progetti che interesseranno il “Battistero San Giovanni” e la Basilica di San Leucio ne sono un esempio in quanto saranno collegati tra loro da un percorso di fruizione sensoriale per ipovedenti e non udenti con la realtà aumentata per la ricostruzione in 3D delle varie epoche storiche al fine di dare la giusta attenzione alle fragilità e realizzare un turismo inclusivo.

Accanto al percorso archeologico – continua l’Assessore Saccinto – ecco il percorso fluviale del Parco dell’Ofanto e quello del cammino lungo la via Francigena per un turismo sostenibile improntato ai cammini lenti, quelli che consentono la sosta, la conoscenza più approfondita del territorio, l’esperienza dell’accoglienza e dell’ospitalità. Non da meno la possibilità di gustare i prodotti tipici della nostra terra, in primis la percoca di Loconia nonché il pane prosciutto, gli strascinati di grano arso, l’olio extravergine di oliva cultivar coratina e la sfogliatella.

E’ necessario che il turista oltre all’ottima visita guidata possa essere attore partecipe del passato attraverso attività esperienziali, visite teatralizzate nelle aree archeologiche e laboratori didattici per il pubblico più giovane, come il “Canusium Festival del Teatro Antico” in cui i giovani liceali portano in scena nell’area archeologica del Battistero San Giovanni testi greci e latini.

Canosa – conclude la Saccinto – è pronta a forme di turismo emozionale».

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

ATTUALITA'

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Leggi anche

spot_img