- Pubblicità -spot_img
martedì, 23 Aprile 2024
HomeCanosa di PugliaCanosa – Inaugurato il “Centro Servizi per le Famiglie” in un bene...

Canosa – Inaugurato il “Centro Servizi per le Famiglie” in un bene confiscato alla criminalità

L’inaugurazione del “Centro Servizi per le Famiglie” è il risultato di un lungo processo che ha portato al conseguimento di un risultato importante per il territorio

La famiglia quale ponte fra individuo e società, nonchè grande scuola di solidarietà in cui tutti sono impegnati per promuovere il benessere comune proteggendola, dotandola di stabilità, valorizzandola e tutelandola ad ogni livello.

L’inaugurazione del “Centro Servizi per le Famiglie” avvenuta a Canosa, nella mattinata di sabato 2 marzo 2024, è il risultato di un lungo processo che ha portato al conseguimento di un risultato importante per il territorio frutto dell’impegno e della dedizione dell’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Canosa e dell’Ambito Territoriale Canosa-Minervino-Spinazzola.

La giornata, sicuramente da ricordare per la città, ha avuto inizio alle ore 10:00 presso l’Aula Consiliare di Palazzo San Francesco con un incontro con le istituzioni a cui ha preso parte in video collegamento il Ministro per la Famiglia, Natalità e Pari Opportunità, dott.ssa Eugenia Roccella, che durante il suo intervento ha sottolineato come per risollevare le sorti delle famiglie serva uno sforzo comune da parte di tutti in un quadro generale contraddistinto da una evidente crisi demografica a cui occorre far fronte con metodo, e cioè non sottraendo compiti e responsabilità genitoriali.

Il Centro Servizi per le Famiglie fornirà spazi di ascolto, accoglienza, cura, sostegno e condivisione offrendo nuove azioni a favore di tutte le famiglie che si rivolgeranno per problematiche legate alla quotidianità, sostenendo la genitorialità e fornendo informazioni e servizi che riguarderanno affido, mediazione familiare, giustizia minorile, ma anche violenza sulle donne, tematica in cui fondamentale è stato, non a caso, il contributo del Ministro Roccella con il rafforzamento del Codice Rosso.

A fare gli onori di casa è stato il Sindaco di Canosa di Puglia Vito Malcangio dalle cui parole è emersa quanto sia importante la centralità del nucleo familiare all’interno del tessuto sociale ed economico.

«Affiancarle nel loro ruolo educativo evitando fenomeni di abbandono sociale – ha spiegato il primo cittadino – deve essere una missione a cui la politica deve dedicarsi costantemente: è in ballo il futuro dei nostri figli a cui siamo chiamati a restituire fiducia nel futuro. Ringrazio per il prezioso lavoro svolto l’Assessore alle Politiche Sociali del Nostro Ente Maria Angela Petroni le sue colleghe di Minervino Murge e Spinazzola Marilena Schiavo e Bruna Glionna, unitamente a tutti i validissimi collaboratori per il risultato conseguito».

L’essenzialità della famiglia, affermata anche all’interno della Carta Costituzionale e della Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea, è stata evidenziata dal Vicario del Prefetto Sergio Mazzia, dall’Assessore Regionale al Welfare Rosa Barone, da S.E.R. Mons. Luigi Mansi, dalla Sindaca di Minervino Murge Maria Laura Mancini, dal Sindaco di Spinazzola Michele Patruno, dal presidente della Cooperativa “SoleLuna” Giovanni Barnaba e dalla coordinatrice del servizio Francesca Bartolomeo.

Nello specifico, è stata l’Assessore Barone a porre l’attenzione sul valore non solo simbolico ma anche concreto del nuovo centro che permetterà, a tutti colori i quali ne usufruiranno, di riprendere in mano il proprio avvenire.

E’ dal nucleo familiare che partono le relazioni parentali che sorreggono la comunità come anche la realizzazione personale di ogni componente frutto dell’amore ricevuto e del personale cammino di crescita. In fondo, dare un servizio vuol dire dare un futuro, migliorare la qualità dei cittadini, accompagnando i più piccoli nel loro percorso di crescita.

A prendere parte alla giornata sono stati il Vicario della Questura BAT Marco De Nunzio, il Vice Questore Raffaele Fiantanese, il Tenente Colonnello del Comando Provinciale dell’Arma dei Carabinieri Pasquale De Corato, il Comandante della Compagnia dei Carabinieri di Andria Pierpaolo Apollo, il Comandante della Stazione dei Carabinieri di Canosa Pasquale Doronzo, il Comandante della Guardia di Finanza Colonello Pierluca Cassano, il Tenente Colonnello della Guardia di Finanza Luigi Leuzzi e l’Ispettore Superiore della Polizia Locale Sebastiano Zagaria.

Presenti anche Mons. Felice Bacco, il consigliere regionale Francesco Ventola, la consigliera regionale Debora Ciliento, il Vice Sindaco di Canosa Fedele Lovino, l’Assessore agli Eventi Saverio Di Nunno, l’Assessora alle Attività Produttive Antonietta Cristiani, i consiglieri comunali Mariangela Malcangio, Daniela Serlenga, Lucia Masciulli, Antonia Sinesi, Giovanni Suriano e i consiglieri d’opposizione Roberto Morra, Letizia Morra, Nicoletta Lomuscio e Nadia Landolfi.

Sono intervenuti anche l’Assessora alla Persona del Comune di Andria Dora Conversano e l’Assessore del Comune di Barletta Rosa Tupputi. Dopo il momento di confronto presso Palazzo di Città, spazio all’inaugurazione del centro in via Federico II n.20 con la benedizione di S.E.R. Mons. Luigi Mansi.

Sono stati quindi illustrati gli spazi che ospiteranno il centro e tutto ciò che concerne l’assistenza alle famiglie che come affermato da Papa Giovanni Paolo II, sono lo specchio in cui Dio si guarda e vede i due miracoli più belli che ha fatto: donare la vita e donare l’amore.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

ATTUALITA'

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Leggi anche

spot_img