- Pubblicità -spot_img
domenica, 14 Aprile 2024
HomeMargherita di SavoiaIl Comune di Margherita in prima fila alla manifestazione di Napoli contro...

Il Comune di Margherita in prima fila alla manifestazione di Napoli contro l’Autonomia Differenziata

A sfilare con la fascia tricolore, su delega del Sindaco Avv. Bernardo Lodispoto, è stato l’assessore Savino Tesoro, titolare delle deleghe al personale, polizia locale

Anche il Comune di Margherita di Savoia era presente e in prima fila a Napoli dove oltre cinquemila persone fra amministratori pubblici, sigle sindacali, movimenti studenteschi, associazioni e semplici cittadini hanno sfilato per le vie del centro per dire NO alla riforma dell’autonomia differenziata.

A sfilare con la fascia tricolore, su delega del Sindaco Avv. Bernardo Lodispoto, è stato l’assessore Savino Tesoro, titolare delle deleghe al personale, polizia locale, politiche comunitarie, cooperazione e partenariato, politiche giovanili e politiche del lavoro.

Erano in piazza delegazioni provenienti da numerose regioni d’Italia – non solo del Mezzogiorno – per chiedere lo stop al provvedimento in nome dell’unità nazionale e della parità di diritti per tutti i cittadini, a cominciare da tematiche non negoziabili come istruzione e sanità. Nel corso della manifestazione è stato letto un messaggio inviato dal presidente dell’Anci, Antonio Decaro.

«La nostra amministrazione comunale – dichiara il Sindaco Lodispoto – ha voluto riaffermare con fermezza, attraverso la partecipazione dell’assessore Savino Tesoro, il proprio parere totalmente negativo riguardo una riforma pericolosa come l’autonomia differenziata che rischia di spaccare l’Italia e di causare ancora ulteriori danni al Sud e alle comunità del Meridione.

Dobbiamo mobilitarci affinché questa proposta di legge venga ritirata poiché, in caso di approvazione, accentuerà le differenze a vantaggio delle regioni del Nord violando il principio sancito dal secondo comma dell’art. 3 della Costituzione che recita testualmente: “È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese”. L’autonomia differenziata invece fa esattamente il contrario».

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

ATTUALITA'

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Leggi anche

spot_img