- Pubblicità -spot_img
venerdì, 19 Aprile 2024
HomeBisceglieBisceglie – PUMS, strumento essenziale per una mobilità sostenibile in città

Bisceglie – PUMS, strumento essenziale per una mobilità sostenibile in città

L’assessore regionale ai Trasporti e alla Mobilità sostenibile, Anita Maurodinoia, ha partecipato presso Palazzo Tupputi a Bisceglie alla presentazione pubblica della prima stesura del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS)

L’assessore regionale ai Trasporti e alla Mobilità sostenibile, Anita Maurodinoia, ha partecipato presso Palazzo Tupputi a Bisceglie alla presentazione pubblica della prima stesura del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS), con relative linee guida, del Comune.

Erano presenti, tra gli altri, il sindaco di Bisceglie Angelantonio Angarano, il vicesindaco e assessore comunale alle Politiche del territorio Angelo Consiglio, Maurizio Di Pinto, assessore comunale alla Mobilità sostenibile, e Stefano Ciurnelli, tecnico incaricato per la redazione del documento.

L’incontro avvia il percorso di partecipazione della cittadinanza, delle associazioni e degli stakeholders per la condivisione del PUMS al fine della sua approvazione definitiva.

Per la redazione del PUMS il Comune di Bisceglie ha ottenuto dalla Regione Puglia un contributo pari a € 55.000,00 a valere sulle risorse messe a disposizione dei Comuni da apposito Avviso pubblico.

“I PUMS sono il principale strumento di pianificazione di una mobilità urbana multimodale e sostenibile, capace di migliorare la qualità degli spostamenti e quindi della vita dei cittadini nel rispetto dell’ambiente – ha detto l’assessore Maurodinoia.

Con il PUMS le comunità si aprono ai principi di una mobilità individuale e collettiva sostenibile ma anche di un traffico merci che contribuisca alla progressiva decarbonizzazione del sistema. Con DGR 1112/2023 il Comune di Bisceglie, pur non essendo affidatario di servizio di TPL, ha ottenuto un finanziamento di 287.381,22 € per l’attivazione del servizio di trasporto urbano sperimentale per l’anno 2024. 

Con il PUMS sarà quindi possibile coordinare il nuovo servizio TPL con forme di mobilità ciclopedonale e di ultimo miglio e riorganizzare la mobilità su auto privata, al fine di favorire l’intermodalità, l’uso dei mezzi pubblici e a basso impatto ambientale”.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

ATTUALITA'

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Leggi anche

spot_img