- Pubblicità -spot_img
sabato, 18 Maggio 2024
HomeAttualitàBarletta partecipa all’edizione 2024 della “Fiera di San Giorgio”

Barletta partecipa all’edizione 2024 della “Fiera di San Giorgio”

L’evento di caratura nazionale, organizzato a Gravina in Puglia, è giunto al suo 730° appuntamento all’insegna di “Agricoltura, Agroalimentare, Sostenibilità e Territorio”

Anche quest’anno Barletta partecipa alla “Fiera di San Giorgio”. L’evento di caratura nazionale, organizzato a Gravina in Puglia, è giunto al suo 730° appuntamento all’insegna di “Agricoltura, Agroalimentare, Sostenibilità e Territorio”.

L’edizione corrente, promossa dall’Ente civico della località murgiana d’intesa con la Regione Puglia, il Parco Nazionale dell’Alta Murgia e la Città Metropolitana di Bari, è in programma dal 18 al 21 aprile 2024.

Propone un ampio ventaglio di attività (consultabili in dettaglio al link https://fierasangiorgiogravina.it/) che la eleggono apprezzata e ambita vetrina per le eccellenze culturali, turistiche e agroalimentari pugliesi.

I perentori numeri della kermesse 2023 sintetizzano il successo: ben 60.000 visitatori e l’adesione di 131 espositori. La Città di Barletta per il 2024 sarà presente, grazie all’Amministrazione comunale, con uno stand di promozione culturale ed enogastronomica.

Il Sindaco di Barletta, Cosimo Cannito, con l’Assessore alle Attività Produttive e vice Sindaco Giuseppe Dileo, concordano sull’importanza di riproporre la “Città della Disfida” al polo fieristico gravinese.

“Una manifestazione – affermano entrambi – diventata autentico fulcro per la valorizzazione commerciale del territorio. La Fiera di San Giorgio rappresenta una eccellente occasione per attribuire riconoscibilità e visibilità alle nostre produzioni, qualificate da un potenziale in grado
di esportare Barletta ovunque, come del resto suggerisce la recentissima partecipazione locale al Vinitaly, il salone internazionale dei vini e distillati di Verona, che abbiamo inteso patrocinare.

Il Comune di Barletta, nel ruolo di istituzione attenta, deve contribuire ad affermare l’enogastronomia cittadina sui mercati”.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

ATTUALITA'

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Leggi anche

spot_img