- Pubblicità -spot_img
martedì, 25 Giugno 2024
HomeAndriaAndria – Azione: “Documento Strategico del Commercio scopiazzato e una consultazione da...

Andria – Azione: “Documento Strategico del Commercio scopiazzato e una consultazione da concludersi entro il 30 aprile 2024”

Solo alcune delle parole a firma di Gianluca Grumo e Antonio Nespoli del Gruppo Azione Andria, a proposito del Documento Strategico del Commercio (DSC) che approda oggi in Consiglio Comunale sulla scorta della partecipazione della precedente Amministrazione ad un Bando Regionale del 2017

“Corpose scopiazzature e una consultazione da avviare e concludersi entro il 30 aprile 2024″.
Queste sono solo alcune delle parole a firma di Gianluca Grumo e Antonio Nespoli del Gruppo Azione Andria, a proposito del Documento Strategico del Commercio (DSC) che approda oggi in Consiglio Comunale sulla scorta della partecipazione della precedente Amministrazione ad un Bando Regionale del 2017 con il quale dovevano essere predisposti da alcune Associazioni di Categoria, individuate dalla stessa Regione, progetti di valorizzazione commerciali con la costituzione dei Distretti Urbani del Commercio.

Nonostante la iscrizione del DUC-Andria sia avvenuta con Determina Dirigenziale della Regione Puglia dal lontano 2021, “solo il giorno prima della scadenza del termine – continuano da Azione – per la sua approvazione questo provvedimento strategico per l’economia della nostra città viene portato all’approvazione del Consiglio Comunale conbat una “frettolosità” che non può essere in alcun modo tollerata.

Basti pensare che gran parte del DSC che viene sottoposto all’approvazione del CC presenta delle corpose scopiazzature con Documenti Strategici di altre città viciniori aventi caratteristiche completamente diverse da quelle della nostra città, oltre al triste filo conduttore della preventiva mancanza di un dibattito pubblico che potesse consentire di cogliere le opportunità dallo stesso derivanti.

Ma ciò che sorprende e lascia ancor più sgomenti è leggere di una consultazione da avviare e concludersi entro il 30 aprile 2024 (cioè domani, poi indicata al 30/06 p.v. nella parte deliberativa e, comunque, sempre dopo l’approvazione in CC), “al fine di trovare una soluzione il più possibile condivisa circa la nuova ubicazione del mercato settimanale”: dunque, dopo anni, si pensa di avviare una consultazione con le associazioni maggiormente rappresentative per capire il da farsi perché non si ha alcuna idea e/o proposta in merito da portare all’approvazione del Consiglio Comunale.

Il corposo emendamento presentato dall’Ufficio ratifica questa faciloneria con la spiacevole constatazione che il documento predisposto non è poi così tanto “strategico” per la nostra città.

Nella circostanza si evitino almeno comunicati autocelebrativi con selfie a corredo fotografico.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

ATTUALITA'

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Leggi anche

spot_img