- Pubblicità -spot_img
martedì, 25 Giugno 2024
HomePoliticaSP2 accesso Montegrosso, fumata bianca: entro 180 giorni sarà inserita un’intersezione a...

SP2 accesso Montegrosso, fumata bianca: entro 180 giorni sarà inserita un’intersezione a raso

Caracciolo (Pd): "Fino al completamento di quest'opera che sarà realizzata dalla provincia Bat con una spesa di 800mila euro sarà mantenuta la rotonda provvisoria"

“Dalla V commissione sono arrivate risposte concrete e definitive alla esigenze di residenti, operatori economici e aziende del borgo di Montegrosso che non resterà isolato. Entro 180 giorni, infatti, saranno completate tutte le opere necessarie alla definizione della questione”. Così il consigliere regionale del Pd, Filippo Caracciolo.

“La soluzione – spiega il consigliere regionale – è stata individuata in una variante in corso d’opera al progetto, utile a consentire l’inserimento di una intersezione a raso in direzione di Montegrosso così come richiesto dal sindaco di Andria e dai residenti del borgo. Per realizzare tale opera è necessario classificare come extraurbana secondaria (tipologia C) il tratto di strada della Sp2 ad incrocio con la Sp32 di accesso al borgo”.

“Fino al completamento di quest’opera che sarà realizzata dalla provincia Bat con una spesa di 800mila euro – prosegue il consigliere regionale – sarà mantenuta la rotonda provvisoria. Nella giornata di domani (oggi, ndr) la provincia provvederà a revocare l’ordine di rimozione della stessa dando così il via ad una fase completamente nuova che ci condurrà alla soluzione definitiva del problema”.

“Soprattutto in questa fase transitoria che prevede la presenza della rotatoria provvisoria si chiede a tutti i soggetti coinvolti massima collaborazione e pazienza nell’affrontare disagi che proveremo a ridurre al massimo accorciando con l’impegno dei soggetti interessati la tempistica prevista.

La Questura ha già comunicato la possibilità di mettere a disposizione forze di polizia chiamate a vigilare sulla sicurezza dello svincolo e sempre in ottica di una maggiore sicurezza si chiede ai residenti di mettere a disposizione energia elettrica utile ad illuminare la strada nel migliore dei modi”. 

“La soluzione illustrata in commissione è la conclusione di un virtuoso percorso di collaborazione istituzionale culminato con una proposta fattiva e chiara della provincia Bat che ringrazio particolarmente per l’impegno profuso. Dopo aver fornito a residenti ed operatori economici le risposte concrete che si aspettavano, il mio impegno – conclude Caracciolo – sarà quello di vigilare sull’effettivo rispetto dei tempi previsti”.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

ATTUALITA'

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Leggi anche

spot_img