- Pubblicità -spot_img
giovedì, 13 Giugno 2024
HomeIn evidenzaBarletta - Amministrative, Cosimo Cannito ci riprova e si candida alla guida...

Barletta – Amministrative, Cosimo Cannito ci riprova e si candida alla guida della città

"La scelta è tra chi come me, con Barletta, è CADUTO (vittima di un SISTEMA di POTERE) ma che è pronto, con una squadra nuova, a RIALZARSI"

Cosimo Cannito ci riprova e annuncia (così come era stato già quasi anticipato lo scorso novembre) la sua corsa alla guida della città in vista delle amministrative previste in primavera. Ieri pomeriggio, presso il parco “Pietro Mennea” (litoranea di ponente) l’ex sindaco, dopo essere stato sfiduciato in consiglio comunale nell’ottobre 2021, ha dichiarato di essere pronto, nonostante le rimostranze della sua famiglia, a riprendere (come spera) il ruolo di primo cittadino.

«Ho scelto questo luogo per l’incontro di oggi – ha dichiarato Cannito – perché, nonostante fosse molto degradato, con pochi soldi lo abbiamo restituito alla fruizione pubblica e pertanto credo possa rappresentare il simbolo della rinascita di Barletta; la decisione di ricandidarmi è stata sofferta malgrado le rimostranze della mia famiglia, ritorno di fronte alla mia città con la consapevolezza di affrontare sfide in merito al futuro economico e sociale di Barletta. Mi auguro che la mia candidatura possa restituire fiducia e non diffidenza verso la politica, i consiglieri comunali dovranno garantire amore per la città prescindendo dai propri interessi personali, chiedo dunque ai cittadini di restituirmi la fiducia.

«Non voglio essere etichettato né sindaco di destra né sindaco di sinistra – ha evidenziato l’ex primo cittadino lasciando forse presagire la creazione di una coalizione composta da liste civiche simile a quella con cui è stato eletto nel 2018 – voglio solo essere un buon sindaco, spero ci siano adesioni al mio progetto augurandomi che venga realizzato da persone per bene. Molti cittadini mi hanno chiesto di riprovarci, se fosse stato per me non lo avrei fatto, spero che con questa mia mossa si anticipi la discussione politica.»

DIRETTA DELLA CONFERENZA

Il testo integrale del suo discorso:

«Ho scelto i giardini del lungomare “Mennea” perché li ho realizzati io; ho scelto la litoranea perché rappresenta il futuro di Barletta. In quei luoghi vado a correre ogni giorno ed è correndo tra le bellezze inespresse della nostra città che ho maturato la scelta di continuare a battermi per Barletta.

Voglio continuare a battermi per una Barletta più LIBERA e MODERNA e per lasciare un buon ricordo ai nostri figli e ai nostri nipoti.

Ho rotto gli indugi perché non posso accettare il silenzio assordante di questi mesi. Non posso accettare che la nostra città non sia rappresentata in seno alla Provincia di Barletta per la quale, tanto abbiamo lottato.

Non posso accettare l’immobilismo che pervade la nostra città su gravi problemi: le opere pubbliche ferme e suoi nuovi fondi PNRR neanche una parola. Penso, inoltre, alla sofferenza di tante famiglie e all’imperversante degrado sociale al quale stiamo assistendo.

Senza nascondere la mia emozione (percepibile solo per chi mi conosce bene), oggi, ho voluto comunicare ufficialmente alla città che “IO CI SONO ANCORA”. Mi ripropongo, a tutti VOI, per essere quel BUON PADRE di famiglia che abbandona MAI la sua famiglia: continuerò ad essere, per tutti, Mino.

Mi ripropongo alla politica, aprendo la mia squadra a tutte le persone pulite, agli uomini, alle donne, agli anziani di buona volontà, alle imprese, alle associazioni, ai sindacati, ai movimenti, al volontariato sino a giungere ai partiti e alle liste civiche, al centrodestra (e alle sue sigle di partito) che, devo riconoscere, è stato sempre leale, con me, fino alla fine.

Voglio circondarmi soprattutto dei GIOVANI, di tantissimi giovani: loro sono avanti anni luce e potranno soltanto illuminarmi. Voglio dare nuova linfa alla politica barlettana e regalare a gente nuova e appassionata di Barletta, l’emozione di servire con autorevolezza, impegno e dedizione la città tra i banchi del Consiglio Comunale.

Per fare questo ho bisogno di facce nuove e sorridenti e non delle solite facce note.

La scelta è tra chi come me, con Barletta, è CADUTO (vittima di un SISTEMA di POTERE) ma che è pronto, con una squadra nuova, a RIALZARSI e chi (come loro) si ripresenta (per l’ennesima volta e come se nulla fosse accaduto) alla guida della città, spacciandosi per il NUOVO.

Ricordo che si tratta di tutti coloro che in questi ultimi 20 anni hanno governato Barletta, facendo cadere ben tre sindaci (io sono stato solo l’ultimo a pagare).

Sono duro a morire e non accetto che in POCHI possano decidere per tutti i CITTADINI. I miei padri e miei padroni, difatti, sono e resteranno SEMPRE e SOLO i BARLETTANI, ai quali chiedo di stare al mio fianco in questa BATTAGLIA di LIBERTA’, finalizzata a combattere quel sistema per cui un DIRITTO non deve più passare per un FAVORE.

Di chi si affatica, dall’altra parte, per alleanze bipartisan o, addirittura, tripartisan, non m’interessa. Io ho scelto da che parte stare. Ho scelto di indossare la casacca della città di Barletta: la città che amo!

Se vincerò questa partita, con me, a vincere saranno tutti i barlettani. Sarà un piccolo grande miracolo, una nuova Disfida.

Se perderò, tornerò a lavorare come ho sempre fatto nella mia vita. BARLETTA è per me una MISSIONE e oggi, più che mai, una PASSIONE da condividere con voi. Per questo non mollo e torno a correre con VOI, per BARLETTA!»

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

ATTUALITA'

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Leggi anche

spot_img

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui