- Pubblicità -
venerdì, 30 Ottobre 2020
Home Attualità Giobbe Covatta ad Andria: è il festival della risata!

Giobbe Covatta ad Andria: è il festival della risata!

Ma la battuta più bella è “difficile” da capire

L’ingresso con la mascherina, il cervello del maschio e le freak, che finalmente ridono

“Prego, ricordi di tenere indossata la mascherina”

“Ma si figuri!

Entro, puntualmente in ritardo (c’era un traffico della miseria anche se nessuno è andato a votare), sono al seminario vescovile di Andria. Naturalmente lo spettacolo “La Divina Commediola” è già cominciato! Sul palco Giobbe Covatta ha appena disegnato alla lavagna una circonferenza ovoidale.

Dice che è il cervello dell’uomo, “decisamente più semplice rispetto a quello della donna. Dovete sapere che il 97% del cervello maschile è occupato dal sesso. Di questa percentuale, il 94% è sesso teorico, il 3% è pratico. Di questo 3%, il 2.5% è sesso in solitudine, lo 0.5% è in compagnia”.

Nella platea, le spettatrici con gli orecchini con il simbolo della pace comprati d’estate al mercatino dei freak, se la ridono di gusto.

Oggi ho mal di testa!

Ma Giobbe è in formissima, recita, ride e ormai vai avanti da solo, non lo ferma nessuno, e soprattutto, non risparmia nessuno. È una goduria, già, è uno spettacolo! Dalla cellula OHMDT (OGGI HO MAL DI TESTA) che nel cervello della donna si sviluppa già a 11 anni ed esplode con la menopausa, ad un millepiedi africano di passaggio (“talmente grande che ad ogni piede calza 42”) a Gaber. “Avrebbe detto: non temo Trump in sé, ma Trump in me.

Improvvisamente Covatta si ferma e comincia a leggere qualcosa che da’ di Divina Commedia, aspetta, forse è una parodia, c’è Virgilio che parla. Ma come dice Erri de Luca (di cui non ho mai letto un libro), per raccontare a voce ci vuole la lingua napoletana, che incolla bene la storia e la fa vedere. Il napoletano è romanzesco, fa spalancare le orecchie e pure gli occhi”. E infatti, preferisco adesso che sta ricominciando a parlare senza leggere.

“Riflettete sulla lotteria della vita?”

“La lotteria di nascere da una parte del mondo o da un’altra? Io vi volevo leggere una breve novella: quando guardo da quella parte(a sinistra) faccio il nascituro italiano, quando guardo da quest’altra (a destra), faccio il nascituro del Burundi“.

Guarda a sinistra: “Sto per nascere, sto a testa in giù, un medico mi prende”
Guarda a destra: “Sto per nascere, sto a testa in giù, cadd p’ a capa ‘nderr”

Guarda a sinistra: “Dentro era tutto nero, fuori invece è candido, la sala parto”
Guarda a destra: “Dentro era tutto nero, fuori invece pure, ado’ cazz so nat”

Guarda a sinistra: “Cerco le zizze di mamma, sanno un po’ di silicone, ma il latte è buono”
Guarda a destra:  “Cerco le zizze di mamma, son nere pure quelle. Non ci sarà mica la coca cola dentro”

Guarda a sinistra: “Mi mettono in un lettino caldo, sto come un Dio”
Guarda a destra: “Mi mettono in una mangiatoia, dicono come un Dio. Secondo me, mi pigliano per il culo”

Guarda a sinistra: “Mamma ride perché sono nato con i capelli lunghi, è raro”
Guarda a destra: “Mamma ride perché sono nato senza l’AIDS, è rarissimo”

Guarda a sinistra: “Quasi quasi piango, così mi danno il ciuccio”
Guarda a destra: “Quasi quasi piango… Non mi caga nessuno. Quasi quasi, smetto”

Guarda a sinistra: “Sono contento perché la cicogna mi ha portato in Italia”
Guarda a destra: “Sono nato nel terzo mondo e se acchiappo la cicogna le faccio nu mazz a tarall a ‘sta cess”

Morti di covid e morti di fame

Applausi scroscianti, tutti ridono, lui niente pausa e riprende a leggere Virgilio. Io mi guardo attorno, siamo tutti con le museruole, felici finalmente di dedicarsi un’ora e mezza di risate senza pensare a niente. Eppure mi rimbalza in testa la frase che ha detto poco fa:

“Ogni giorno muoiono di fame tante persone quante in Italia ne sono morte col covid dall’inizio ad oggi”.

Il tema finalmente l’ho capito, è l’Africa. Ha finito di leggere, e intanto ha già ripreso il monologo.

Gli africani hanno un rapporto col sesso molto giocondo, molto gioviale – lascia perdere che sono più attrezzati di noi, lasciamo stare la barzelletta dei due neri sul ponte di Brooklyn che fanno la pipì e uno dice a quell’altro “oggi è fredda l’acqua” – certo, ci sono delle oggettività in questo senso qua.

Ma lo dico perché gli africani hanno abbracciato delle religioni che non sono quelle originarie come il cristianesimo e l’islam, ma la radice africana è animista, e ancora adesso sono animisti, nun ce sta nient da fà! E l’animismo nei confronti del sesso non prevede né il senso di colpa né il peccato, per cui il sesso si fà, è una cosa ca si fà… E se fà  normalmente”.

“Poi è arrivata la beneficenza ed è andato tutto a puttane”

Ormai siamo in Africa…

“Ad un certo punto, il capo dei capi, con tutta la sua area marziale, è venuto da me e con tutte le traduzioni del caso, m’ ha detto: “Noi siamo orgogliosi che sei venuto a trovarci per fare un film con noi, ma che é nu’ film?”

Giobbe spiega: “Loro ci hanno fatto la festa perché eravamo andati da loro, mica perché eravamo andati a fare il film! Loro hanno ancora quello straordinario concetto di ospitalità, che ci apparteneva – e devo dire che in Puglia è ancora molto presente -, e viene da lontanissimo. La sacra ospitalità che viene dai tempi della Grecia antica, e poi Roma, Medioevo, e poi e poi poi… Ma tu pensa, aveva pure un nome, si chiama solidarietà, si chiamava così! Poi è arrivata la beneficenza ed è andato tutto a puttane!

Il pubblico è ammutolito. Non l’ha capita nessuno. O forse nessuno di noi vuole capirla.

Come Giobbe chiude il Festival della Disperazione

Io preferirei chiudere così, lui invece riprende a leggere Virgilio:

“Ma prima ho due messaggi per la gente:

1) Uno, se torni, porta muzzarelle!

2) Due, giustizia serve a questo continente!

Disse Virgilio con occhi come stelle”.

Chiude alla grande. Sia la serata che il Festival della Disperazione.

E tutti (gli occidentali) vissero felici e contenti

Francesco Roberto

- Pubblicità -
- Pubblicità -

Speciale COVID-19

Coronavirus – Curva sempre più in salita: 791 casi su 5.591 tamponi

Oggi, venerdì 30 ottobre, in Puglia, sono stati registrati 7 decessi: 6 in provincia di Foggia, 1 in provincia di Bari. 127 nuovi contagi nella Bat
- Pubblicità -

Trani – Covid, il sindaco chiude diverse zone della città

In vigore da oggi dalle ore 22 alle 5

Si teme un ritorno al lockdown? Genitori e figli di nuovo preda di ansia, paura, rabbia

Gli psicologi Di Gioia e Sannino comprendono il timore di genitori, bambini e adolescenti in questo momento di ansia e paura

Costituita la sezione di Fareambiente Mare della provincia Bat

La sezione di Fareambiente Mare, con l’adesione del Centro subacqueo Andria, viene istituita nell’ambito delle attività programmate del Laboratorio Verde Fareambiente di Andria - Odv
- Pubblicità -

Leggi anche

Coronavirus – Curva sempre più in salita: 791 casi su 5.591 tamponi

Oggi, venerdì 30 ottobre, in Puglia, sono stati registrati 7 decessi: 6 in provincia di Foggia, 1 in provincia di Bari. 127 nuovi contagi nella Bat

Trani – Covid, il sindaco chiude diverse zone della città

In vigore da oggi dalle ore 22 alle 5

Margherita – Aumentano i contagi: ora gli attualmente positivi sono 14

"Sono stati riscontrati altri sei nuovi casi di positività nel territorio cittadino. Degli undici casi precedentemente rilevati, tre risultano negativizzati"

Costituita la sezione di Fareambiente Mare della provincia Bat

La sezione di Fareambiente Mare, con l’adesione del Centro subacqueo Andria, viene istituita nell’ambito delle attività programmate del Laboratorio Verde Fareambiente di Andria - Odv

Bisceglie – Minaccia i poliziotti durante un controllo: denunciato 34enne andriese

E' accaduto nella stazione di Bisceglie: l'uomo, residente ad Andria, è stato trovato in possesso di un coltello a serramanico

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui