- Pubblicità -spot_img
lunedì, 22 Luglio 2024
HomeAmbienteMontegrosso, da “Borgo della Salute” a “Borgo dei rifiuti” il passo è...

Montegrosso, da “Borgo della Salute” a “Borgo dei rifiuti” il passo è breve

Un Borgo tanto decantato ed apprezzato da chiunque abbia mai avuto la possibilità di viverlo. Negli ultimi mesi, però, l'inciviltà e la scellerataggine stanno vandalizzando "quel piccolo angolo di paradiso"

Un Borgo tanto decantato ed apprezzato da chiunque abbia mai avuto la possibilità di visitarlo e di viverlo in tutte le sue bellezze culinarie e paesaggistiche.
Un posto dove la natura incontra i sapori murgiani, lontani dallo smog e dallo stressante tran tran quotidiano.

Il Borgo di Montegrosso è divenuto negli anni il fiore all’occhiello della città di Andria, quella frazione lontana 17 km che regala sempre, con i suoi colori e le sue distese di verde a perdita d’occhio, un senso di spensieratezza e piacere.

Purtroppo negli ultimi mesi l’inciviltà e la scellerataggine ne stanno prendendo il sopravvento, vandalizzando “quel piccolo angolo di paradiso”.

Ci sono giunte in redazione alcune foto che testimoniano il livello di degrado raggiunto: gli scatti mostrano, infatti, rifiuti di ogni genere quotidianamente abbandonati in prossimità di terreni privati, per le strade, tra l’erba.

Un quadro critico: bottiglie, cartoni, buste, teloni, piatti… si può trovare di tutto. Ovviamente residenti e proprietari terrieri ogni giorno cercano di bonificare la zona colpita da questa piaga, impiegando tempo e denaro per la pulizia. Ma l’indomani il problema torna puntualmente a riproporsi.

Oltre al rischio inquinamento, con possibilità di sversamento di liquidi dannosi nei terreni, che immagine si sta creando di quel posto speciale ed incontaminato?

Solo due anni fa, sabato 6 novembre 2021, a Palazzo Belgioioso, si tenne la cerimonia ufficiale dell’adesione del Borgo di Montegrosso alla rete dei Borghi della Salute.

E da quel momento la frazione di Andria divenne il luogo dove “si promuove la salute attraverso un sapere specifico che deve poter nutrire ogni persona della comunità invitandola a prendersi cura di sé”.

Se qualcuno è incapace di “prendersi cura di sé”, come potrebbe avere rispetto per l’ambiente e la natura circostanti?

Prima che la situazione sfugga di mano, occorre agire, magari con l’installazione di foto trappole anche a Montegrosso, che andrebbero ad aggiungersi alle 6 già posizionate ad Andria, affinché gesti del genere non rimangano impuniti.

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

ATTUALITA'

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Leggi anche

spot_img