- Pubblicità -spot_img
mercoledì, 27 Ottobre 2021
HomeAttualitàGli andriesi rispettano l'ordinanza e si riversano a Castel del Monte. Le...

Gli andriesi rispettano l’ordinanza e si riversano a Castel del Monte. Le FOTO

Ciò, però, ha causato l'ira del primo cittadino andriese che ha espresso tutto il suo disappunto e malcontento, causati dal cattivo comportamento dei suoi concittadini

Un weekend insolito per gli andriesi.
Dopo l’ordinanza del sindaco, Giovanna Bruno, emanata in data 13 novembre, in cui ha disposto il divieto di accesso per stazionamento dalle ore 18:00 alle ore 22:00 di sabato e dalle 08:00 alle 22:00 di domenica, nelle principali vie di Andria, ecco che i cittadini si sono diretti verso “altri lidi”.

Le strade del centro e le piazze principali, nei due giorni interessati dall’ordinanza, sono apparse quasi deserte, percorse solo da qualche coppia di innamorati, dagli avventori dei locali commerciali o dagli abitanti della zona.

Stavolta però ad essere preso di mira è stato il maniero federiciano, Castel del Monte, distante 17 chilometri dal centro cittadino ma facente parte del territorio andriese.
Quindi nessun Decreto ministeriale e nessuna ordinanza violati.

Sabato e domenica scorsi, quindi, molto probabilmente per la prima volta, la famosa collina murgiana è stata visitata solo da cittadini andriesi, anche a causa del divieto di spostamento tra comuni dettato dall’ultimo Dpcm.

Già dalle prime ore del mattino, una lunga fila di auto ha occupato la S.S. 170 dir. A, che collega la città di Andria al suo castello.
Tra una foto e un selfie per immortalare il noto monumento, simbolo dell’intera regione, numerose sono state le famiglie e i gruppi di ragazzi che hanno trascorso il weekend “fuoriporta”.

Ciò, però, ha causato l’ira del primo cittadino andriese che, in un post pubblicato sulla propria pagina Facebook, ha espresso tutto il suo disappunto e malcontento, causati dal cattivo comportamento dei suoi concittadini: “Tanti nostri concittadini si sono recati a Castel del Monte come se nulla fosse, nonostante i divieti di assembramenti. Non è possibile”.

Poi continua: “C’è gente che fa finta di nulla e poi si lamenta che non ci sono controlli. Ma dove li troviamo? Dove abbiamo tutte queste forze dell’ordine visto che la città ha altri problemi da affrontare? E’ un’emergenza. Il sindaco, pur volendo, non può chiudere tutto“.

Lo sfogo del sindaco Bruno


- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

Speciale COVID-19

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -

Leggi anche

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui